Imprese: Assilea, in 1° trim. 2018 +18% leasing e noleggio a lungo termine

15

Milano, 15 mag. (Labitalia) – Nel primo trimestre 2018, si registra una crescita del 12% dello stipulato leasing e noleggio a lungo termine, con un +18% nel comparto strumentale. A maggio 2018, il leasing si conferma come il prodotto preferito dalle pmi, con oltre il 70% delle prenotazioni relative ai finanziamenti della ‘Nuova Sabatini’. Nel 2017, la crescita degli investimenti in leasing in Italia ha superato la media dell’area euro, con oltre 26,6 miliardi di euro e una progressione del 12,9%. Boom per beni strumentali e famiglie. Sono questi alcuni dei numeri contenuti in ‘To Lease’, il rapporto sui numeri del leasing e del noleggio, presentato a Milano nell’ambito dell’Assemblea annuale di Assilea – Associazione italiana leasing.

Il fatturato leasing 2017 cresce del 12,9% e l’incremento degli investimenti in Italia supera la media dell’area euro – con lo stipulato nel leasing mobiliare che segna +6 punti (16%) rispetto ai Paesi dell’Unione – superando ampiamente i livelli pre-crisi. I soli investimenti destinati alle imprese del settore privato vedono l’incidenza del leasing raggiungere il 19%.

Il leasing si conferma, quindi, anche come la seconda forma di finanziamento più utilizzata dalle pmi dopo lo scoperto bancario. Boom del leasing strumentale, che segna un +18,5% e cresce poco meno del 35% nello strumentale operativo (ovvero i contratti privi di opzione finale di acquisto particolarmente adatti alle esigenze delle pmi), con un valore finanziato totale di oltre 8,9 miliardi di euro. Il leasing strumentale ha sostenuto particolarmente gli investimenti delle attività manifatturiere (61,1%), seguite dal commercio all’ingrosso e al dettaglio (11,1%), le costruzioni (8,4%), le attività di noleggio, agenzia di viaggio, servizi di supporto alle imprese (3,2%), il settore della sanità e assistenza sociale (3,0%).

Significativa la performance anche del settore auto (autovetture, veicoli commerciali e veicoli industriali), che segna un +13,2% e sorpassa i 13,37 miliardi di euro. Il segmento autovetture registra un +25,7% nel leasing e un +12,9% nel noleggio a lungo termine. Mentre quelle italiane e francesi sono ai primi posti nelle immatricolazioni di proprietà, le automobili di marca tedesca primeggiano nel finanziamento in leasing: la Volkswagen Tiguan domina la graduatoria tra i ‘privati’ (professionisti), seguita dalla Mercedes Classe A, Bmw X1, Smart ForTwo e Audi Q2.

Bene l’aeronavale e ferroviario (+59,3%), trainato dal leasing nautico che torna a passare il tetto del mezzo miliardo di euro di erogato. L’immobiliare mostra una lieve flessione determinata dal segmento ‘costruito’, mentre dal segmento Immobiliare da costruire, che registra un +6,1%. Prosegue la flessione dell’energy. In termini di valore, il comparto auto rappresenta il 50,2% dello stipulato e registra il sorpasso delle partite iva sul leasing alle imprese. Al secondo posto lo strumentale (33,4%), che guadagna quasi 2 punti percentuali.

Le dinamiche migliori dello scorso anno si sono osservate nel settore ‘imprese’ e ‘privati’, con una crescita marcata per le famiglie consumatrici, che registrano un aumento dei volumi stipulati del 52,7%.

A livello territoriale, le performance migliori si sono registrate nel Centro Italia, sia in termini di crescita di numero (+3,1%), sia di valore (+15,7%), dove spicca la brillante dinamica del leasing auto. Il Nord, che rimane l’area caratterizzata dai maggiori livelli di penetrazione del leasing, con un peso complessivo del 65,1%, è l’incremento dello stipulato strumentale e la buona dinamica del manifatturiero a trainare la crescita. La sola Lombardia concentra il 25,7% dello stipulato nazionale, con un incremento del +12,6% del leasing strumentale. Nel Sud si osservano comunque dinamiche positive, seppur più contenute, grazie al settore dei trasporti e al comparto auto e a una rinnovata vivacità nel manifatturiero.

“E’ stato un anno importantissimo -commenta il presidente di Assilea, Enrico Duranti- per il leasing e per il sostegno che ha saputo dare alla crescita del Paese: oltre il 22% dei finanziamenti di leasing strumentale del 2017 sono stati relativi al piano Impresa 4.0, per un valore medio per singola operazione pari quasi al triplo di quello normale”.

“Il primo trimestre del 2018 -conclude- vede una crescita del 12% del leasing e del noleggio a lungo termine e un +18% nel solo comparto strumentale e con queste prospettive ci attendiamo di chiudere l’anno con 28,6 miliardi di stipulato e una crescita del 7% rispetto all’anno precedente”.