In pista aerei intelligenti
Progetti entro martedì 31 marzo

24

C’è tempo fino alle ore 17 di martedì prossimo 31 marzo per partecipare a “Clean Sky 2 Joint Technology Initiative” (Iniziativa tecnologica congiunta “Clean Sky 2”), il nuovo invito lanciato dalla C’è tempo fino alle ore 17 di martedì prossimo 31 marzo per partecipare a “Clean Sky 2 Joint Technology Initiative” (Iniziativa tecnologica congiunta “Clean Sky 2”), il nuovo invito lanciato dalla Commissione europea con un budget di quasi 48 milioni di euro. Il programma è strutturato in sette macro aree tematiche: aerei intelligenti ad ala, aerei verdi regionali, velivoli green, motori eco-sostenibili, sistemi per operazioni verdi, eco design e valutatore tecnologico. I partecipanti al bando saranno selezionati in maniera competitiva e trasparente. Possono candidarsi a presentare progetti una o più persone giuridiche di uno degli Stati Membri e in particolare Pmi, accademie, imprese del settore pubblico e istituti no-profit di ricerca. La seconda e la terza call saranno pubblicate nel secondo e nel quarto trimestre del 2015. Clean Sky 2 finanzia azioni di ricerca e innovazione. Tra le prime rientrano gli interventi finalizzati a stabilire nuove conoscenze o analizzare la possibilità di creare nuovi o migliori prodotti, processi, tecnologie, servizi o soluzioni. Possono essere incluse attività di ricerca base e applicata, sviluppo e integrazione delle tecnologie, test e validazione di prototipi su piccola scala in laboratorio o in ambiente simulato. Tra le azioni di innovazione rientrano, invece, attività di prototipazione, test, dimostrazione e validazione finalizzate alla definizione/produzione/progettazione di nuovi prodotti e processi. Le risorse complessivamente stanziate per il bando ammontano a 47.960.000 euro. Il contributo comunitario copre il 100 per cento dei costi del progetto cui si aggiunge un 25 per cento forfettario per i costi indiretti (overheads). Le regole di partecipazione al bando sono disponibili on-line sul “Participant Portal” al link riportato in calce all’articolo sulla versione elettronica del Denaro.