Inail, più di 23 milioni per la sicurezza sul lavoro

64

Più 23 milioni e 600mila euro per la sicurezza e la salute sul lavoro. E’ la quota destinata alla Campania dal Bando Isi 2017 presentato durante il seminario “Finanziamenti Inail alle imprese e andamento infortuni e malattie professionali” organizzato da Inail – Direzione regionale Campania e Acen in collaborazione con Ance Campania. “Con l’ottava edizione del bando si allarga la platea dei destinatari di risorse Inail – ha detto Daniele Leone, direttore regionale Inail – per progetti che mirano alla prevenzione, alla riduzione del rischio e, più in generale, ad innalzare gli standard di sicurezza e di salute sui luoghi di lavoro. Cinque gli assi di finanziamento con l’apertura, da quest’anno, alle Pmi che operano in specifici settori”. “I dati consultivi sono confortanti per la Regione Campania – ha detto la direttrice dell’Ufficio programmazione e attività istituzionali di Inail Campania Adele Pomponio – perché in controtendenza con il dato Italia”. Nel periodo 2012-2015, infatti, la Campania registra un calo degli ‘infortuni mortali accertati’ nelle costruzioni del 10,68% contro l’aumento nazionale, nello stesso periodo di riferimento, del 21,18%. In Campania – ha continuato Pomponio – si riducono anche gli incidenti sul lavoro, con un – 11,09% nel periodo che va dal 2012 al 2016. Naturalmente – ha concluso – bisognerà ancora lavorare in termini di prevenzione e per diffondere la legalità in tutti i settori produttivi”. “Siamo promotori di un’economia sana, di lavoro regolare, quindi di investimenti in sicurezza – ha aggiunto il presidente dell’Acen, Federica Brancaccio, “ma sono ancora troppe le elusioni, il lavoro grigio ed il lavoro nero. Per questo abbiamo chiesto al Prefetto di Napoli di avviare un ‘tavolo tecnico stabile’ sulla sicurezza sul lavoro in edilizia per un confronto tra la nostra associazione, il sindacato, gli enti Paritetici di settore, le forze dell’ordine, gli enti previdenziali e assicurativi e gli Enti locali per correggere la stortura che vede l’edilizia il settore in cui il ricorso al lavoro nero e grigio è particolarmente diffuso”. “Sono assolutamente d’accordo” – ha dichiarato il prefetto di Napoli Carmela Pagano. “Una rete istituzionale, con gli operatori del settore, è assolutamente fondamentale perché sono molteplici i profili della legalità da tutelare. Innanzitutto la sicurezza sul lavoro e l’integrità dei lavoratori, che non possono essere tutelate adeguatamente in un contesto di lavoro irregolare; poi – ha continuato il prefetto – c’è il profilo di integrità erariale e contributiva. Infine – coinvolgendo tutti gli attori sociali – va rafforzato il sistema di difesa rispetto all’infiltrazione della criminalità nell’economia legale. Un obiettivo fondamentale per la Prefettura di Napoli”. L’assessore regionale alle Risorse Umane e Lavoro Sonia Palmeri, ha sottolineato “ il ruolo fondamentale della Regione Campania per diffondere la cultura della sicurezza, con i progetti di Alternanza scuola lavoro e con la recente approvazione di una delibera regionale che dà la possibilità ai dipendenti di oltre 300 Comuni della Regione che hanno meno di 5.000 abitanti di partecipare gratuitamente a progetti di formazione realizzati ad hoc”.