Incontri di Valore a Pompei con Angelo Polimeno e Cristiana Pedersoli, figlia di Bud Spencer

52
in foto Nicola Ruocco

Angelo Polimeno Bottai, vice direttore del Tg1, e Cristiana Pedersoli, figlia del celeberrimo Carlo, in arte Bud Spencer, son stati i protagonisti – il 18 e 19 dicembre scorsi – del quinto e sesto appuntamento degli Incontri di Valore, ciclo di eventi promosso dal manager Nicola Ruocco all’Habita79 di Pompei, nuova struttura alberghiera del gruppo Accor. Occasione dei due incontri la presentazione dei libri “Alto tradimento”, con il quale Polimeno cerca di andare alle origini del declino italiano; e “Bud, un gigante per papà”, in cui la figlia dell’attore napoletano svela il Carlo Pedersoli privato. Numerosissimo e partecipe il pubblico intervenuto, tante le copie dei libri vendute (il cui ricavato andrà in beneficenza).
“Una finestra aperta su anni-spartiacque per il futuro del nostro paese, tra nostalgia del rampantismo economico degli anni 80 e volontà di fare luce su alcune verità storiche ancora in ombra”: così Nicola Ruocco ha presentato il libro di Polimeno. Un incontro, quello col giornalista del Tg1, che ha suscitato anche numerose domande dal pubblico, ed è durato ben oltre le due ore previste. Argomento invece più leggero ma di grande emozione, quello legato alle testimonianze e ai racconti inediti di Cristiana Pedersoli sul suo immenso papà, Bud Spencer, tuttora nel cuore del grande pubblico. Un libro, il suo, pieno di racconti poco noti, che ci fa scoprire un Bud visto da vicino, come se fosse ancora tra noi. “Bisogna praticare la strada maestra della gioia – ha detto Ruocco, citando il regista Ermanno Olmi -, gioia come condivisione di sentimenti di pace, perché anche una bella, raffinata, onesta risata è a tutti gli effetti un’opera d’arte, di cui l’immenso Bud Spencerè straordinario maestro”.
Due serate quindi interessanti ma anche ricche di importanti messaggi positivi, come afferma lo stesso direttore dell’Hotel Habita79 Riccardo Mantilacci: “Gli Incontri di Valore si stanno segnalando per la promozione, nel nostro territorio, di valori cardine come la cultura, la libertà di pensiero, l’amicizia, la condivisione di competenze ed emozion. SI tratta di momenti di sana costruzione di valore e valori, e la nostra struttura è pienamente in linea con questa visione positiva”.
Nei prossimi giorni ci saranno altri appuntamenti “di valore”, come la presentazione venerdì 26 novembre del libro “Dieci piccoli napoletani” del giornalista Antonio Vastarelli, e, mercoledì 1° dicembre, l’evento clou della kermesse, spettacolare charity dinner con notissimi chef del territorio, con ricavato della serata destinato all’acquisto di materiale didattico e di refettorio per il Centro di accoglienza oratoriale “Istituto Bartolo Longo” in Pompei.