Incontro Carfagna-Berlusconi. Forza Italia riparte dal Sud con il movimento dei sudisti?

146
In foto Mara Carfagna e Silvio Berlusconi

Da alcuni giorni impazza la notizia della nascita di nuovo partito denominato “Sudisti Italiani”, definito dai suoi fondatori, ancora anonimi, un contenitore politico di centro che può aggregare gli scontenti o, meglio, i delusi di Forza Italia, del M5S e del PD, nati nel Sud Italia. Si dice che a guidare il Movimento sarà Mara Carfagna insieme al democristiano Gianfranco Rotondi, entrambi antisovranisti e antisalviniani. Lontani entrambi, pertanto, da Silvio Berlusconi, il quale ha scelto di offrire il suo contributo all’alleanza Salvini-Meloni, partecipando alla manifestazione tenutasi nella piazza San Giovanni di Roma, confermando l’esistenza del centrodestra.
Che Forza Italia sia succube di Salvini e del suo “nordismo” a Carfagna, a Rotondi e a tanti altri non va proprio giù e allora ecco perché essi guardano con fiducia, proprio in contrapposizione a Salvini, alla nascita di un movimento meridionalista di stampo moderato, che si contrapponga alla Lega sovranista e che crei, nel contempo, le basi per un’Italia unita.
Potrebbe darsi – e perché no – che l’adesione al progetto politico del Movimento dei Sudisti possa significare riportare i voti del popolo meridionale, che sono davvero tanti, a Berlusconi, permettendogli di far proprio un progetto politico, sicuramente ambizioso, tuttavia concreto, che aspira a creare un’Italia unita anche sotto il profilo economico e, pertanto, più ricca e ubertosa. Forza Italia potrebbe rinascere ripartendo dal Sud Italia. Verità per molti inconfutabile!
Chissà se Mara Carfagna, in occasione dell’incontro tenutosi a Palazzo Grazioli, ha parlato di questo progetto politico a Berlusconi, che può rappresentare per lui una pepita d’oro, in quanto gli offrirebbe la possibilità di riportare Forza Italia verso posizioni più centrali, nel caso vi fosse un’alleanza, considerato che il Movimento dei Sudisti è “antisovranista” e “antitotalitarista”, contrariamente ai partiti con i quali è attualmente alleato. Vedremo, certo Berlusconi potrebbe davvero aver trovato la soluzione politica per riottenere consensi e per smarcarsi dalla Lega e da Fratelli d’Italia, assolutamente non affini al partito Forza Italia.
Occorre, tuttavia, chiedersi se i fondatori del Movimento, ancora non manifestatisi, che si definiscono di centro, con lo sguardo rivolto a sinistra, pronti a lottare contro le discriminazioni sociali e razziali, ecologisti e a favore delle classi deboli, soprattutto del Sud Italia, potranno coesistere con la vecchia Forza Italia. Vedremo! Il primo capitolo della storia del Movimento dei Sudisti sta per essere scritto ed i suoi contenuti non vi è dubbio che saranno davvero sbalorditivi.

Notizia tratta da siti specializzati sulla rete