Industria 4.0: Scuotto (Fondimpresa), sostegno a imprese per digitalizzazione

10

Roma, 12 ott. (Labitalia) – “Industria 4.0 sta comportando cambiamenti epocali e come presidente del più grande dei Fondi Interprofessionali mi rendo conto che stiamo vivendo non solo una rivoluzione digitale, ma una delle più grandi rivoluzioni antropologiche che l’umanità abbia mai attraversato. Probabilmente non percepiamo la portata reale del cambiamento, ed è con questa esigenza di cambiamento che invece è necessario sintonizzarsi, lo conferma anche quanto rilevato da Unioncamere attraverso il sistema informativo Excelsior riguardo la forte ricerca di profili professionali con competenze 4.0”. E’ quanto dichiara il presidente di Fondimpresa, Bruno Scuotto.

“Guardando al cambiamento che questa rivoluzione sta portando bisogna interrogarsi -spiega Scuotto- su cosa si può fare per i lavoratori e per le aziende, come garantire a questi degli ‘assi nella manica’ come una massiccia alfabetizzazione digitale ed una formazione 4.0, dei plus che possano garantire loro conoscenze e abilità che altri non hanno e che possano renderli competitivi, capaci di gestire e fronteggiare il cambiamento attuale e quelli che verranno attraverso modalità formative innovative ed all’avanguardia”.

“La quarta rivoluzione industriale -aggiunge Scuotto- porterà trasformazioni profonde e per affrontarle con successo è necessario plasmare competenze digitali avanzate, formare con frequenza crescente i propri lavoratori, renderli al passo con i tempi e con le nuove tecnologie”.

“Fondimpresa con oltre 187.000 aziende aderenti e 4.480.000 lavoratori finanzia, con una spesa di 229 milioni di euro annui, piani di formazione per la crescita e la riqualificazione delle competenze in azienda. Fondimpresa promuove da anni l’innovazione digitale e tecnologica ed i due Avvisi di recente pubblicazione, l’avviso n. 3/2018 ‘Competitività’ per il quale stanziamo 72 milioni di euro e l’avviso n. 4/2018 ‘Formazione a sostegno dell’innovazione digitale e/o tecnologica’ per il quale stanziamo 10 milioni di euro, confermano la nostra volontà -ha concluso- di sostenere le imprese in questo percorso di crescita che passa necessariamente per la trasformazione digitale”.