Industria 5.0: l’economia del futuro è già qui

120
(foto da Adobe Stock gratis)

Si chiama Industria 5.0 e rappresenta la nuova fase dell’economia globale. È stata già definita come la quinta rivoluzione industriale che, partendo dagli elementi della precedente fase 4.0. li inserisce in una nuova cornice sociale, e, soprattutto, ambientale.

Di questa imminente trasformazione parla la rubrica di questa settimana de L’incentivo del lunedì a cura di Time Vision.

Cos’è industria 5.0

Sono 3 le caratteristiche che dovranno avere le aziende del futuro nella dimensione 5.0:

  • umanocentriche
  • resilienti
  • e sostenibili

Ciascuno di questi obiettivi prevede precise “politiche”, con annessi fondi da destinare alla loro realizzazione.

E, soprattutto, per tutti gli obiettivi occorrerà avviare nuovi percorsi di formazione dei lavoratori coinvolti. Soprattutto per quello che riguarda il primo obiettivo, e cioè il nuovo rapporto che dovrà esserci tra uomo e macchina.

Se nella dimensione 4.0 era l’uomo che doveva adattarsi alle macchine e alla loro struttura, adesso con la rivoluzione dell’Industria 5.0 il baricentro si sposta verso l’uomo. Saranno, quindi, le macchine ad adattarsi alle caratteristiche degli uomini.

Nuova economia, nuova formazione

Va da sé che per essere pronti a vivere a pieno la nuova dimensione industriale 5.0 serve anche nuova formazione, che sia anch’essa 5.0.

La Commissione Europea ha centrato molto del suo programma Industry 5.0 proprio sugli aspetti legati alle competenze dei lavoratori, individuando un vero e proprio skillset di riferimento base.

Questo è lo skillset individuato:

  • alfabetizzazione digitale, 
  • intelligenza artificiale e analisi dei dati,
  • lavorare con nuove tecnologie,
  • sicurezza informatica
  • e consapevolezza dei dati