Industria, bene il fronte estero
Ad agosto ordini e fatturato in ripresa

26

Nel mese di agosto l’industria italiana sembra dare dei segnali di ripresa: +1,5% per gli ordini e +0,4% considerando il fatturato. A dirlo sono i dati Istat che, però, evidenziano una Nel mese di agosto l’industria italiana sembra dare dei segnali di ripresa: +1,5% per gli ordini e +0,4% considerando il fatturato. A dirlo sono i dati Istat che, però, evidenziano una flessione su base annua. Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, sia gli ordini che i fatturati hanno subito una forte calo (rispettivamente -3,2% e -2,3%). L’istituto di statistica spiega che, sempre ad agosto, gli ordinativi sono aumentati sia sul mercato interno (+0,7%) che su quello estero (+2,5%). Il fatturato, invece, ha registrato un incremento sul fronte esterno (+3%) e una diminuzione su quello interno (-1%). Guardando ai primi 8 mesi dell’anno, gli ordini hanno segnato un aumento dell’1,3%, mentre il fatturato ha subito una lieve diminuzione (-0,4%). Puntando i riflettori sui vari settori produttivi, la situazione è la seguente: negli ordini il saldo più positivo si rileva nella fabbricazione dei mezzi di trasporto (+8,8%), mentre il crollo maggiore si ha nel comparto dei macchinari e delle attrezzature (-9,5%). Gli indici destagionalizzati del fatturato segnano degli incrementi congiunturali per i beni strumentali (+2,5%) e l’energia (+1,4%), mentre registrano una flessione i beni di consumo (-1%) e quelli intermedi (-0,2%). Per il fatturato l’incremento tendenziale più rilevante si registra nella fabbricazione di mezzi di trasporto (+23,6%). La maggiore diminuzione riguarda invece la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-7,1%). Per i mezzi di trasporto, il balzo è dovuto essenzialmente al comparto degli autoveicoli, che è cresciuto del 72,4%.