Infermiere aggredito, Ordine dei medici: Va cambiata la mentalità

67

“Non posso che esprimere solidarietà all’infermiere aggredito. Il tema della violenza su chi è in ospedale per assicurare assistenza ci è da sempre caro e per questo portiamo avanti una battaglia che non lascia spazio a titubanze”. Così il presidente dell’Ordine dei Medici Silvestro Scotti commenta l’aggressione di un infermiere del Cardarelli. “In questo caso – prosegue – a pagare è stato un infermiere, ma in molte altre occasione al pronto soccorso ci sono finiti colleghi medici. Credo che farsi avanti per stigmatizzare questi episodi sia un dovere di tutti. In questo senso non posso che plaudire alla decisione del direttore generale Ciro Verdoliva di costituire il Cardarelli come parte civile per il processo penale, e sono certo che si inaugura così una nuova prassi nella quale i direttori generali e le aziende si schierano finalmente a difesa di tutti i dipendenti, infermieri e medici. Solo così si potrà arrivare con il tempo ad un cambio di mentalità”.