Infrastrutture, Grassi (Industriali di Napoli): Urge un collegamento tra Porto e rete ferroviaria

306
In foto Vito Grassi

Un collegamento tra Porto di Napoli e rete ferroviaria, il completamento delle Linee Metropolitane e la realizzazione della linea Av/Ac Napoli-Bari nei tempi e costi previsti. Per Vito Grassi, vicepresidente dell’Unione degli Industriali di Napoli con delega alle Infrastrutture, nell’agenda economica da proporre all’Esecutivo che sarà scelto dopo le urne un ruolo di primo piano dovrà essere occupato dalle carenze infrastrutturali con l’obiettivo di ridurre il gap tra le regioni del Centro-Nord e quelle del Sud.

“Occorre individuare un numero, anche ristretto, di interventi prioritari, che possano garantire le condizioni di operatività delle nostre imprese e sui quali concentrare le scarse risorse a nostra disposizione – dice Grassi -. Uno degli obiettivi principali è il rafforzamento dell’integrazione modale e i collegamenti multimodali con i principali nodi urbani, produttivi e logistici. Vanno rese efficienti e incrementate le interconnessioni tra la rete ferroviaria e i distretti produttivi, i porti, gli interporti, le aree urbane, puntando all’ottimizzazione e alla riduzione dei costi ‘dell’ultimo miglio’”.

È necessario, inoltre, aggiunge Grassi “potenziare l’offerta ferroviaria e il miglioramento del servizio in termini di qualità e tempi di percorrenza, favorendo il trasporto merci su ferro, rispetto a quello su gomma, coerentemente con gli obiettivi di mobilità sostenibile e nell’ottica di riduzione dell’incidenza sul costo totale della logistica”. In riferimento a specifici interventi sul territorio, per il vicepresidente degli Industriali Napoletani risulta prioritaria “la realizzazione di un collegamento tra Porto di Napoli e rete ferroviaria; il completamento delle Linee Metropolitane e la realizzazione della linea AV/AC Napoli-Bari nei tempi e costi previsti”.

Infine, “allo scopo di accelerare le opere pubbliche dovrebbe essere rivisto e circoscritto il ruolo del Cipe, affidandogli compiti strettamente connaturati alla sua funzione di programmazione e controllo”.