Ingegneri clinici in convegno a Riccione

5

(Adnkronos) –
E’ iniziato a Riccione il XXII Convegno dell’Associazione italiana ingegneri clinici (Aiic), che proseguirà fino al 15 giugno sul tema ‘Oltre il Pnrr: verso una cultura tecnologica a sostegno della salute’. Quattro giorni, tre di incontri e dibattiti e uno di corsi di formazione, su nuove tecnologie e ammodernamento del parco tecnologico. Ha aperto i lavori l’intervento di Umberto Nocco, presidente Aiic, che ha ricordato i quasi trent’anni di vita dell’associazione nata nel 1993: “Tre decenni in cui gli ingegneri clinici si sono trasformati e sono aumentati in quantità, diffusione, competenze, responsabilità, qualità della presenza su tutto il territorio e all’interno di tutti gli ambiti della salute. Eravamo alcune centinaia di ‘operai specializzati’ in una sanità che cercava il suo futuro, mentre oggi siamo una realtà professionale, scientifica e associativa che dialoga con tutte le istituzioni, che è presente in tutti gli snodi decisionali del Servizio sanitario nazionale, del procurement, della manutenzione, della sicurezza”. 

All’Aiic è stata poi consegnata la targa del premio dell’American College of Clinical Engineering (Acce) all’ingegneria clinica italiana, attribuito nel 2021, ma non consegnato causa pandemia. Il premio è stato portato in Italia da Binseng Wang, tra i fondatori e past-president di Acce, e ricevuto da Lorenzo Leogrande, past-president Aiic, per “l’opera di sviluppo e posizionamento istituzionale dell’ingegneria clinica in Italia”, azione che può essere considerata da modello per le altre associazioni professionali in tutto il mondo. 

Oggi la sanità radica i suoi servizi più avanzati nel terreno delle tecnologie, sottolineano gli esperti. “E’ impossibile immaginare un’assistenza sanitaria avanzata e di qualità senza tecnologie – ha spiegato Nocco – cosa sarebbe una terapia intensiva o una sala operatoria senza le decine di strumenti e interconnessi che permettono ai professionisti della sanità di operare e ai pazienti di sopravvivere. Cosa sarebbe la ricerca senza lo sviluppo tecnologico? Cosa sarebbero gli ospedali? Cosa sarebbe anche il semplice studio di un medico di medicina generale? Le tecnologie healthcare non sono una commodity della sanità, ma uno dei suoi elementi portanti. E chi utilizza, acquisisce, governa le tecnologie, con chi deve rapportarsi per una corretta gestione delle stesse, se non con gli ingegneri clinici che sono i professionisti che coprono nella totale completezza questo ambito così delicato?”. 

L’importanza della tecnologia porta quindi l’attenzione verso il Piano nazionale di ripresa e resilienza, opportunità storica per il nostro Paese, rimarcano gli ingegneri clinici. Il presidente Aiic ha osservato che negli ultimi 20anni la sanità è stata quasi un ‘portafoglio’ a cui attingere, provocando squilibri e disservizi che hanno colpito soprattutto le aree del Paese meno organizzate, mentre oggi sembra che qualcosa sia mutato nei piani della politica sanitaria e dei legislatori. “Il Pnrr ha messo a disposizione fondi impensabili – ha continuato Nocco – oltre 15 miliardi di euro e più di 6mila progetti in partenza. Come professionisti in prima linea su questo settore vediamo positivamente questa spinta al rinnovamento, ma sappiamo che non basta acquistare o rinnovare tecnologie per produrre modifiche efficaci e utili, come anche il periodo della prima ondata pandemica ci ha insegnato”.  

“Non abbiamo bisogno di interventi singoli – ha ammonito – ma di una comune ‘cultura tecnologica’ per i manager, per gli operatori sanitari, per i politici, per le istituzioni per i decisori regionali e nazionali. Per avviare e radicare questa cultura tecnologica dobbiamo incontrare qui e anche dopo tutti gli stakeholders, per creare le fondamenta di una nuova fase strategica, organizzativa e professionale per il Ssn”. 

Gli obiettivi prioritari di Aiic sono quindi “il dialogo continuo con gli stakeholders, il confronto interno alla professione, l’ascolto della voce delle altre professioni e dei cittadini, la centralità della formazione e lo spazio di grande attenzione ai giovani professionisti che cercano di capire come entrare al meglio nel mondo del lavoro”.