Inno4vac, accelerare la produzione di vaccini: l’Italia nel progetto di ricerca Ue

67

Si chiama Inno4vac, ed e’ un nuovo progetto interdisciplinare finalizzato ad ottenere tempi di produzione dei vaccini piu’ rapidi. E’ finanziato dall’Innovative Medicines Initiative 2 (IMI2) della Commissione europea con oltre 33 milioni di euro, coordinato dalla European Vaccine Initiative con il supporto scientifico dell’associazione Sclavo Vaccines, e coinvolge l’Universita’ di Siena con altri 41 partner provenienti da 11 diversi paesi europei, tra cui 37 istituzioni accademiche e Pmi, oltre a Gsk, Sanofi Pasteur, CureVac e Takeda come partner industriali. “I tempi di ricerca e sviluppo dei vaccini classici rimangono lunghi e alti sono i costi”, osserva la coordinatrice Donata Medaglini. “In media – prosegue – occorrono piu’ di 10 anni e oltre 800 milioni di euro per portare sul mercato un nuovo vaccino. Con questo progetto vogliamo sfruttare le piu’ recenti scoperte scientifiche e tecnologiche e le opportunita’ offerte dall’intelligenza artificiale per fornire nuovi percorsi di sviluppo dei vaccini, come dimostrato dallo sviluppo accelerato dei vaccini contro il Covid-19”. Quattro le aree principali del progetto: l’intelligenza artificiale sara’ utilizzata per studiare la risposta immunitaria in silico e prevedere l’efficacia vaccinale; sara’ sviluppata una piattaforma computazionale modulare per la modellizzazione in silico della bioproduzione di vaccini e dei test di stabilita’ relativi; modelli di infezione umana controllata (CHIM) di influenza, virus respiratorio sinciziale (RSV) e Clostridium difficile saranno sviluppati o migliorati per consentire una valutazione precoce dell’efficacia del vaccino; saranno, infine, sviluppati nuovi modelli 3D in vitro basati su cellule umane per prevedere in modo affidabile la protezione immunitaria.