Innovazione, App, robot e coding: ecco le risposte “spaziali” al Covid

56

App per monitorare la pandemia, robot per aiutare il personale ospedaliero ma anche giochi interattivi e piattaforme di coding: sono tante le idee nate in piena pandemia per sfruttare le tecnologie spaziali per combattere il Covid-19. Sono stati presentati oggi online sei dei tanti progetti vincitori di Space in Response to Covid-19, la call nata dalla collaborazione dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), Ministero dell’Innovazione Digitale e Agenzia Spaziale Italiana (Asi). Lanciato in piena prima ondata, a marzo 2020, “Space in Response to Covid -19” ha avuto immediatamente una grande risposta. Sono state oltre 100 le proposte arrivate e molte delle quali hanno visto poi uno sviluppo concreto, cofinanziati grazie ai 10 milioni di euro messi a disposizione da Asi. Tra questi l’app Epico-19 che unisce i dati epidemiologici con le immagini satellitari per monitorare la diffusione della pandemia e algoritmi usando di Intelligenza artificiale o Code-19, un sistema di robot capace di muoversi negli ambienti ospedalieri e dare supporto al personale medico . Una sezione specifica propone soluzioni scientifiche educative come Dreamcoder 2.0, un kit per imparare a codificare e le discipline e realizzare a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.