Innovazione e ricerca: così Graded guarda al futuro

243
in foto Vito Grassi

Quartier generale a Napoli e attenzione costante ai nuovi mercati. E’ la fotografia di Graded Spa, azienda partenopea che opera da oltre 60 anni nel mercato della progettazione, realizzazione, installazione e gestione di impianti tecnologici e di produzione di energia ad alta efficienza, da fonti tradizionali e rinnovabili. La società, gestita in seconda generazione da Vito Grassi, presidente dell’Unione Industriali di Napoli e di Confindustria Campania, e dal fratello Federico, dal 2005 è una “Energy Saving Company” (Esco), riconosciuta e accreditata secondo i più moderni standard di riferimento che opera sia in Italia che all’estero (Romania ed Emirati Arabi).
Nel 2006 la Graded ha dato via al suo spin-off di maggior successo: la “Grastim jv”, una realtà in cui operano 25 ingegneri “cresciuti” professionalmente nei cantieri napoletani e che oggi vendono efficienza energetica in tutto il mondo.
Dal 2015 l’azienda è anche entrata a far parte del distretto “Smart Power System Scarl” che aggrega e mette in rete imprese, università ed enti pubblici di ricerca sul territorio per accelerare lo sviluppo e il trasferimento di conoscenze e tecnologie avanzate per la generazione di energia secondo il paradigma “Smart Grid”. L’innovazione e la digitalizzazione, del resto, sono tra i principi ispiratori della gestione di Graded che, dallo scorso anno è Platinum partner di “Digita” l’Academy dell’Ateneo Federico II su Industria 4.0 nata dalla collaborazione tra l’Università di Napoli Federico II e la Deloitte Digital e collabora con il MIT di Boston ad un programma di ricerca internazionale.
Sul fronte della ricerca, l’azienda è impegnata da anni in numerosi progetti (sono circa 14 quelli in cantiere allo stato attuale) in partnership con Università sia pubbliche che private, tra cui la “Federico II”, la “Parthenope”, l’Università del Sannio, l’Università di Fisciano a Salerno e il Suor Orsola Benincasa di Napoli. Uno dei passi più recenti in questa direzione è stato l’ingresso nel team del progetto “Mit Reap” (acronimo di “Massachusetts Institute of Technology-Regional Entrepreneurship Acceleration Program”) coordinato in Campania dall’Università Parthenope attraverso il Dipartimento di Studi aziendali e quantitativi (Disaq). Si tratta del programma di accelerazione imprenditoriale promosso dal Mit di Boston che mira alla pianificazione e allo sviluppo di soluzioni volte a stimolare la competitività dei sistemi locali di innovazione.
Nel mese di ottobre Graded ha ottenuto la Certificazione Elite, al termine di un percorso biennale previsto dal programma di Borsa Italiana e Confindustria per le imprese ad alto potenziale, per supportare il proprio percorso di crescita legato a innovazione e internazionalizzazione.
Nel mese di dicembre il raggiungimento di altri due grandi risultati:una missione a Tel Aviv, all’interno del programma di open innovation Disrupt Me, per il quale Graded è stata selezionate assieme ad altre 5 aziende europee, e la conquista del “Premio Innovazione Smau” per la piattaforma di digitalizzazione degli acquisti “E-procurement” realizzata in collaborazione con gli studenti della Digita Academy.