Innovazione, Realtà Aumentata e Chatbot: Graded traccia a distanza l’utilizzo dei Dpi

164

Si chiude, come da tradizione, con il Graduation Day e la consegna dei diplomi, l’anno accademico della Digita Academy di Napoli, un progetto di alta formazione nato 4 anni fa dalla partnership tra l’Università Federico II e Deloitte Consulting. Cinque i project work selezionati per la presentazione finale nell’Aula Magna del Polo di San Giovanni a Teduccio, dopo una prima fase di roadshow , alla presenza di tutti i corsisti oltre che delle imprese partner, tutor e docenti.

La napoletana Graded, società del settore energia guidata da Vito Grassi, è salita anche quest’anno sul palco d’onore grazie al progetto “Facility Automation Solutions for Smart Esco”, realizzato dai “digiters” Carla Cicala e Gianfranco Scafuro di concerto con un team interno composto dall’ex studente Digita Gennaro Ardolino, oggi Digital Innovation Specialist in azienda, e la COO Ludovica Landi. Un’innovazione che, grazie all’utilizzo di Big Data, Data Analytics, Intelligenza Artificiale, IoT, blockchain e Augmented Reality punta a fornire servizi di manutenzione interattiva, sostenibile ed intelligente applicati e testati direttamente su uno dei clienti chiave dell’azienda. “Tra questi – spiegano gli autori del progetto – spicca il supporto a distanza ai manutentori in azienda, grazie all’utilizzo della Realtà Aumentata, la geolocalizzazione del punto di intervento assistita, grazie ad un chatbot personalizzato, il tracciamento a distanza del ciclo di vita dei DPI (i dispositivi di protezione individuale) e la verifica del loro corretto utilizzo. Tutte innovazioni che ottimizzano i tempi di lavoro e consentono alle aziende coinvolte di avere maggior efficienza ed efficacia negli interventi oltre che di ridurre i costi”.

La cerimonia è stata introdotta dagli indirizzi di saluto del direttore scientifico della Digita Academy, Antonio Pescapè, e ha visto l’intervento a distanza di Alessandro Mercuri, ad di Deloitte Consulting.

Presente alla cerimonia di chiusura l’ad di Graded, Vito Grassi, assieme a una rappresentanza aziendale composta anche da digiters delle precedenti edizioni.