Inseguito da due italiani, muore immigrato

12

Roma, 29 lug. (AdnKronos) – Due italiani sono stati denunciati in stato di libertà per omicidio preterintenzionale in concorso in relazione all’uccisione, ad Aprilia, di un marocchino di 43 anni. E’ quanto si legge sul sito di ‘Latina Oggi’, secondo cui gli indizi a carico dei due, incensurati e quarantenni del luogo, sono emersi dapprima dalla visione di telecamere di videosorveglianza, quindi da testimonianze di persone presenti, impossibilitate a negare davanti all’evidenza.

Uno degli indagati era rimasto sul luogo del fatto, l’altro, resosi irreperibile e avendo saputo che era ricercato, si è infine costituito. La vittima è stata identificata in un marocchino di 43 anni con precedenti di polizia. Aveva con sé uno zaino con arnesi da scasso.

Secondo quanto ricostruito dal sito Latina24ore.it, intorno alle 2 un abitante della zona di via Guardapasso ha segnalato “una Renault Megane sospetta con alcuni soggetti a bordo, con targa straniera, che si stava aggirando da quelle parti”. I carabinieri hanno riferito che sono seguite altre telefonate al 112 per segnalare gli spostamenti della vettura, fuggita dopo aver capito di essere oggetto di attenzione da parte dei residenti.

L’auto è stata poi trovata dai carabinieri di Aprilia lungo la via Nettunense, all’altezza della stazione F.S. di Campo di Carne, dove era finita fuori strada. Accanto il cadavere del nordafricano. Immediate le indagini dei carabinieri, che hanno portato alla denuncia in stato di libertà, per omicidio preterintenzionale in concorso, dei due italiani.

Secondo la prima ipotesi, avrebbero seguito la Megane per segnalarne gli spostamenti, ma poi c’è stato un inseguimento e probabilmente una colluttazione con un esito drammatico per il marocchino. Sarà ora l’autopsia a fornire ulteriori dettagli utili alle indagini.