Intesa Sanpaolo, 2 miliardi a disposizione delle aziende associate a Confcommercio

140
In foto Stefano Barrese, responsabile Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo

L’attuale situazione emergenziale che sta provocando ripercussioniprofonde nel tessuto economico richiede azioni immediate a tutela delle imprese del commercio, delturismo, dei servizi, dei trasporti, delle professioni e delle persone che vi lavorano, attraversoiniziative straordinarie di sostegno, nella convinzione di una futura ripresa.Per questo motivo, Intesa Sanpaolo – al fine di contribuire a garantire concretamente la continuitàproduttiva, a fronte del rallentamento della domanda interna ed estera che la situazione di crisi attualeha determinato – ha riservato alle imprese e professionisti associati a Confcommercio un plafond di 2miliardi di euro, per sostenere le imprese con la finalità di garantire la gestione dei pagamenti urgentie le esigenze immediate di liquidità.Questo accordo è la conferma del forte rapporto di collaborazione che Intesa Sanpaolo e Confcommercio hanno consolidato negli anni, con la sottoscrizione di numerosi accordi a favore delleimprese associate e nell’agevolare l’accesso al credito al mondo delle microimprese e delle PMIitaliane. L’iniziativa è parte integrante delle misure straordinarie annunciate in questi giorni da IntesaSanpaolo a sostegno dell’economia, delle imprese e delle famiglie italiane:

• 5 miliardi di euro di nuovi finanziamenti per le imprese di tutto il territorio nazionale asupporto della gestione del circolante, declinata attraverso linee di credito aggiuntive rispettoa quelle preesistenti;

• 10 miliardi di euro di liquidità per i clienti Intesa Sanpaolo, grazie a linee di credito giàdeliberate a loro favore e ora messe a disposizione per finalità ampie e flessibili, quali lagestione dei pagamenti urgenti;

• la sospensione per 3 mesi delle rate dei finanziamenti a medio/lungo termine in essere, per lasola quota capitale o per l’intera rata. La sospensione dei finanziamenti è estesa anche a favoredelle famiglie di tutto il territorio nazionale. Viene inoltre prevista una convenzione con condizioni dedicate agli associati Confcommercio cheinclude la restituzione delle commissioni sui micro-pagamenti (di importo inferiore ai 10 Euro) accettati tramite POS fisici Intesa Sanpaolo. Infine, il Gruppo Intesa Sanpaolo – attraverso l’esperienza di RBM Assicurazione Salute in ambitosanitario – mette a disposizione dei membri dei consigli di amministrazione, dei titolari e deidipendenti delle imprese la sua nuova soluzione assicurativa, per garantire alcune tutele e maggiorserenità in caso di contrazione del virus.Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio-Imprese per l’Italia, afferma: “In questa fase dipiena emergenza economica c’è bisogno in primis di liquidità immediata e di facilitare il più possibilegli iter burocratici per l’accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese del terziario dimercato. Questo per assicurare a tutte le imprese che hanno sospeso la propria attività la possibilitàdi ripartire al più presto. Il plafond di 2 miliardi di euro riservato da Intesa Sanpaolo agli associatiConfcommercio è un concreto e tangibile aiuto che va proprio in questa direzione”. Stefano Barrese, responsabile Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo, dichiara: “L’iniziativa dioggi ci consente di mettere a disposizione delle imprese associate a Confcommercio un ulteriore eimmediato strumento di sostegno. È una dimostrazione di fiducia da parte di Intesa Sanpaolo neiconfronti di un tessuto imprenditoriale dotato della resilienza necessaria per affrontare lestraordinarie difficoltà contingenti, con l’obiettivo di superare l’emergenza e poter così affrontarela fase di ripresa che seguirà”.