Da Intesa Sanpaolo e Bei un miliardo di euro per sostenere le Pmi innovative e l’economia circolare

295

Intesa Sanpaolo e Banca Europea per gli Investimenti (Bei) hanno siglato oggi a Milano nella sede di Intesa Sanpaolo, un accordo che prevede due nuove linee di credito per un valore complessivo di 500 milioni di euro, ai quali Intesa Sanpaolo aggiungerà risorse proprie per pari importo così da raggiungere un plafond complessivo di 1 miliardo di euro. “Quello firmato oggi – commenta Gian Maria Gros-Pietro, presidente di Intesa Sanpaolo – è un accordo che consente di proseguire e rafforzare, con importanti novità di circular economy, la solida collaborazione con la banca Europea per gli Investimenti, mettendo a disposizione delle imprese italiane crediti per 1 miliardo di euro. presentiamo così con Bei due linee di credito che contribuiscono a iniziative imprenditoriali con criteri di tutela ambientale”. Il primo finanziamento di 250 milioni di euro è messo a disposizione per il funding delle imprese Midcap, quelle che contano tra i 250 e i 3 mila dipendenti. Le risorse saranno rese disponibili tramite l’intermediazione di mediocredito Italiano. Oggetto dei prestiti saranno i progetti sia nuovi sia in corso e non ancora ultimati, di importo non superiore ai 50 milioni di euro, con durata massima di 12 anni. Gli interventi sono destinati ad aziende attive in tutti i settori produttivi: agricoltura, artigianato, industria, commercio, turismo e servizi.
La seconda linea di credito è un Framework Loan per interventi nell’ambito della circular economy dedicato alle Pmi e Midcap innovative operanti nel manifatturiero, nell’agricoltura, nel settore energetico e nella gestione dei rifiuti. I prestiti della durata massima di 12 anni, potranno essere utilizzati per finanziare progetti inferiori ai 50 milioni di euro, coprendo fino al 50% dei costi complessivi. Mediocredito Italiano duplicherà il plafond di 250 milioni della Bei con altri 250 milioni a valere sul plafond circular economy da 5 miliardi di euro previsto dal Piano di Impresa 2018-2021 del Gruppo. “Grazie a questa partnership oltre 1.700 imprese italiane – sottolinea il vicepresidente di Bei, Dario Scannapieco – hanno beneficiato negli ultimi anni: un numero destinato a crescere per effetto degli accordi annunciati oggi e di una nuova operazione in corso di perfezionamento del valore di 140 milioni destinata a progetti nel settore del climate change”.