Intesa Sanpaolo, il cellulare diventa un portafoglio digitale

69

Una nuova funzionalità integrata all’interno dell’app Intesa Sanpaolo Mobile permette al cliente di visualizzare e gestire carte e conti, documenti personali e tessere fedeltà. È un ulteriore passo avanti per offrire ai clienti un’esperienza ottimale di everyday banking: un’unica applicazione per operare e gestire quello che serve, in modo sicuro, veloce e facile da usare.
Il portafoglio digitale XME Pay consente di effettuare pagamenti presso i negozi fisici con le proprie carte dei circuiti internazionali, avvicinando lo smartphone Android al POS, oppure con il proprio conto corrente, inquadrando un QR code sullo smartphone dell’esercente o utilizzando l’innovativa tecnologia ultrasuoni. Per i pagamenti on line sui siti convenzionati con Masterpass, i clienti riceveranno direttamente sull’app le notifiche per autorizzare il pagamento, senza dover inserire i dati della carta. I clienti potranno non solo pagare ma anche trasferire somme tra privati utilizzando la funzionalità Scambia Denaro, in una nuova veste grafica a chat basata sul servizio Jiffy, di prossima integrazione in Bancomat Pay, semplicemente scegliendo il contatto dalla rubrica oppure digitando il numero di cellulare della persona con cui si sta scambiando il denaro. All’interno di XME Pay si potranno, inoltre, gestire le immagini, le informazioni e le scadenze dei documenti personali propri e di terzi, nonché le tessere fedeltà, così da presentarli al momento dell’acquisto direttamente dal proprio smartphone.
Conferma Massimo Tessitore, responsabile Multicanalità Integrata Intesa Sanpaolo: “Sempre più clienti considerano lo smartphone lo strumento di riferimento per i pagamenti e l’operatività bancaria, reso ancora più sicuro dal riconoscimento biometrico. Dei nostri oltre 7 milioni di clienti digitali, quelli che utilizzano i servizi della banca attraverso il cellulare sono oltre 2,5 milioni. Fondamentale dunque arricchire la gamma di servizi disponibili e garantire la facilità d’uso”.