Intesa Sanpaolo a Napoli incontra 22 start-up nell’ambito di “Be Heroes”

50
In foto Fabio Cannavale, ideatore di "Be Heroes"

22 startup hanno sfilato oggi, a partire dalle ore 9.45, presso l’Innovation Hub di Intesa Sanpaolo e Università Federico II, in occasione del roadshow di presentazione della seconda edizione di B Heroes, il percorso di accelerazione rivolto ad aziende ad alto contenuto di innovazione con sede operativa in Italia ideato da lm Foundation – fondazione nata dalla volontà di Fabio Cannavale con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo sostenibile – con il supporto di Intesa Sanpaolo.
Nel corso della giornata le startup preselezionate da B Heroes hanno incontrato un team composto da imprenditori, manager d’azienda, business angel ed esperti dell’Innovation Center di Intesa Sanpaolo, specializzati nella selezione di startup da supportare nel percorso di crescita. Come in ogni tappa, le startup hanno presentato il proprio business ai selezionatori, prima con un pitch pubblico e poi in modalità one-to-one. Con l’obiettivo di individuare le migliori capacità imprenditoriali e valorizzare le migliori competenze, i selezionatori hanno valutato le aziende esprimendo un loro giudizio in una scala da 1 a 5, con particolare focus rivolto al team, al progetto, all’impatto sociale e alla scalabilità.
Le prime undici tappe del roadshow si sono tenute rispettivamente a Milano, presso Cariplo Factory, l’hub di open innovation, CSR e talent management creato da Fondazione Cariplo; a Rimini, presso il TTG Travel Experience; a Venezia, presso gli Spazi Espositivi dell’Università Ca’ Foscari; a Torino, con una due giorni presso l’Innovation Center di Intesa Sanpaolo; a Como, presso il ComoNExT di Lomazzo; a Bari, presso l’Impact Hub; a Roma presso L Venture Group; a Firenze, presso la Nana Bianca; a Bologna, presso la Fondazione Golinelli; e da ultimo a Rovereto, presso Trentino Sviluppo. I 15 eventi territoriali, nel corso dei quali verranno svolte le prime selezioni delle startup candidate, si protrarranno fino al 23 novembre, coprendo il territorio nazionale. Le imprese selezionate potranno accedere ad un percorso di formazione, coaching ed accelerazione durante il quale verranno effettuate eliminazioni che porteranno all’individuazione dei migliori partecipanti. Come la passata edizione, B Heroes sarà raccontato attraverso un format televisivo che si concluderà con la proclamazione dell’impresa vincitrice, la cui idea imprenditoriale potrà essere supportata da un investimento minimo di 500.000 euro.
Mario Costantini, direttore generale Intesa Sanpaolo Innovation Center: “Investimenti, innovazione e cultura digitale rappresentano importanti acceleratori dell’economia reale. Il nostro sostegno a B Heroes per il secondo anno consecutivo testimonia la volontà del Gruppo Intesa Sanpaolo di dare impulso ai percorsi di innovazione e di eccellenza per favorire la crescita del Paese, mettendo a confronto giovani imprenditori del territorio e manager di aziende strutturate più innovative. Dietro le startup, infatti, ci sono sogni da realizzare e, come Banca, siamo orgogliosi di poter accompagnare anche sul territorio questi ‘nuovi’ imprenditori in un percorso di crescita. Un impegno che in questi anni ha visto il Gruppo, attraverso il proprio Innovation Center, far incontrare a 870 ‘nuove’ aziende oltre 10mila investitori in tutto il mondo e raccogliendo fondi per oltre 140 milioni di euro”.
“Siamo felici che il roadshow di B Heroes faccia tappa a Napoli, presso l’Innovation Hub di Intesa Sanpaolo e Università Federico II – afferma Fabio Cannavale, ideatore di B Heroes – Anche quest’anno aziende affermate ed imprenditori di successo metteranno a disposizione il proprio tempo e la propria expertise per il programma di accelerazione che nel 2018 ha aiutato a crescere alcune tra le migliori start up italiane che hanno raccolto complessivamente finanziamenti per oltre 20 milioni di euro. Per la realizzazione di questo grande successo è stato determinante il supporto del main partner, Intesa Sanpaolo, che ha attivamente sostenuto il progetto permettendone la realizzazione”.