Invitalia, accordo con il Comune di Napoli: Bagnoli, impianto fognario da rifare, in mare arriverà acqua depurata

213
In foto una veduta di Bagnoli

“Il vecchio collettore fogniario a cielo aperto dell’Arena Sant’Antonio verrà completamente rifatto, messo a norma e dotato di impianti di vagliatura e di un filtraggio in un impianto di depurazione che sarà costruito. Solo dopo tutti questi passaggi l’acqua entrerà nel mare di Bagnoli”. È così che Claudio Collinvitti, program manager di Invitalia per il progetto Bagnoli, spiega all’ANSA l’accordo interistituzionale per le urbanizzazioni primarie del SIN Bagnoli-Coroglio e l’adeguamento dell’Arena Sant’Antonio e i relativi scarichi a mare che è stato siglato oggi nel corso della cabina di regia su Bagnoli che si è svolta in mattinata. Alla cabina di regia online, presieduta dal ministro per il Mezzogiorno Giuseppe Provenzano, hanno partecipato oltre a Collinvitti, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris con gli assessori Piscopo e Del Giudice, il vicepresidente della Regione Campania Fulvio Bonavitacola, il commissario straordinario per la bonifica e rigenerazione di Bagnoli Francesco Floro Flores e il direttore generale per il risanamento ambientale del ministero dell’Ambiente Giuseppe Lo Presti. Al centro della discussione un grande collettore fogniario che raccoglie le acque di una popolazione di circa 300.000 abitanti di Napoli, risalendo a nord fino a Pianura e che oggi sversa in mare tal quale. “Ma non solo le acque sporche – spiega Collinvitti – dentro ci abbiamo trovato automobili, frigoriferi, di tutto. L’accordo ci consente di lavorare su delle piccole parti all’esterno dell’area sin che on sono di nostra competenza ma sono necessarie per il progetto e la realizzazione dell’opera. Quindi Invitalia ha assicurato al Comune di Napoli che faremo il progetto e la realizzazione del nuovo collettore, dell’impianto di depurazione sotto la collina di Posillipo già previsto nel Praru e poi la daremo al Comune stesso. Il nuovo collettore è già finanziato, l’impianto sotto la collina di Posillipo non ancora, ma sarà nei prossimi fondi. Faremo uno scarico a mare tutto nuovo e controllato con una barriera idraulica e una parte dell’acqua depurata la useremo per l’irrigazione del parco di Bagnoli. Le acque più sporche verranno pompate in una condotta verso il depuratore di Cuma”.