Ipertensione, Neuromed scopre nella milza la chiave che lega il sale alla pressione

99

Scoperto un meccanismo che lega il sale all’ipertensione, nella milza la chiave di questa interazione. E’ quanto emerso da uno studio dei ricercatori dell’Irccs ‘Neuromed’ di Pozzilli. Un meccanismo complesso, a cavallo tra sistema nervoso e sistema immunitario. Lo studio – fanno sapere dal Neuromed – apre alla possibilità di sviluppare farmaci innovativi contro uno dei principali problemi di salute pubblica a livello mondiale. La ricerca si basa su precedenti lavori pubblicati dal Dipartimento Angiocardioneurologia e medicina Traslazionale nei quali veniva dimostrato il ruolo dei linfociti T presenti nella milza. Queste cellule, una volta attivate, si liberano nel sangue e migrano verso gli organi che tipicamente vengono colpiti dall’ipertensione (organi bersaglio). In questo modo contribuiscono sia a creare la condizione ipertensiva, sia a causare i relativi danni. Il processo di attivazione dei linfociti T, è stato dimostrato, si svolge sotto il controllo del sistema nervoso simpatico, che costituisce parte del sistema nervoso autonomo. L’ultimo studio dei ricercatori Neuromed aggiunge ora un tassello importante: il meccanismo attraverso il quale gli impulsi nervosi del sistema simpatico inducono l’attivazione dei linfociti T. E questo meccanismo risulta attivarsi particolarmente proprio in seguito a un eccesso di sodio nella dieta. “Con questi nuovi dati – commenta Daniela Carnevale, del Dipartimento di Medicina molecolare dell’Università ‘La Sapienza’ di Roma e del Dipartimento di Angiocardioneurologia e Medicina Traslazionale Neuromed – possiamo ora vedere una nuova possibilità terapeutica. Sono infatti già allo studio degli anticorpi anti-Pigf per patologie diverse dall’ipertensione, ad esempio la degenerazione maculare o alcune forme di cancro. Questi anticorpi potrebbero essere usati anche per bloccare l’attivazione del Pigf nella milza, impedendo in questo modo la comunicazione tra sistema simpatico e linfociti. Sarebbe una strada completamente nuova per una condizione, come quella ipertensiva, il cui controllo rappresenta ancora una sfida per la medicina”.