Irisbus: Sibilia (M5s): Preoccupati per il rinvio dell’incontro al Mise

24

“L’ennesima brutta pagina che viene scritta sulla pelle degli operai e dell’intera Irpinia”. E’ il commento di Carlo Sibilia, parlamentare irpino e componente il direttorio nazionale del Movimento 5 Stelle, alla notizia del rinvio al prossimo 4 febbraio dell’incontro al Mise sull’ex Irisbus, che era stato fissato per dopodomani, venerdì 27 gennaio. L’incontro avrebbe dovuto fare il punto sugli impegni assunti nei mesi scorsi dall’amministratore delegato di Iia (Industria Italiana Autobus), la newco che nel dicembre del 2014 rilevò lo stabilimento di Valle Ufita dalla Fiat e, dalla Finmeccanica, quello bolognese della Bredamenarini. In particolare, Del Rosso, per ottenere il finanziamento da parte di Invitalia per 23 milioni di euro, deve procedere all’aumento di capitale della società e fornire ulteriori dettagli relativi al piano industriale dei due stabilimenti. “Vorremmo finalmente capire – dice Sibilia – i soldi di Invitalia a chi e a che cosa sono destinati. Da quanto risulta, infatti, il piano industriale della Iia non chiarisce che cosa Del Rosso ha intenzione di fare nello stabilimento irpino, in modo particolare se intende costruire e/o assemblare autobus. L’ennesimo rinvio – conclude il parlamentare del M5s – è un pessimo segnale che lancia ulteriori preoccupazioni e perplessità su una iniziativa industriale di cui si è fatto garante l’ex vice ministro dello Sviluppo economico, Claudio de Vincenti”.