Ischia, allarme sanità: lettera a Mattarella, vescovo primo firmatario

62
 
Il vescovo di Ischia, Pietro Lagnese, è il primo firmatario di una petizione avviata questa mattina con l’obiettivo di ottenere per l’isola d’Ischia il riconoscimento di “zona disagiata”. La petizione è indirizzata al presidente della Repubblica, al Ministro della Salute, al presidente della Regione Campania, al presidente del Consiglio regionale e al direttore generale dell’Asl Na2 Nord. L’iniziativa è del comitato civico “Cudas” (Comitato unitario per il diritto alla salute dell’isola d’Ischia) che ritiene questa l’unica opzione utile per garantire personale sufficiente a far funzionare i servizi sanitari.