Isi Inail 2019, presentato ufficialmente il nuovo bando: 250 milioni di incentivi a fondo perduto

358

Duecentocinquanta milioni di euro di incentivi a fondo perduto ripartiti su base regionale e messi a disposizione delle imprese che decidono di investire in sicurezza. E’ la decima edizione del bando Isi 2019 dell’Inail, presentata questa mattina dal presidente dell’istituto, Franco Bettoni, dal direttore generale, Giuseppe Lucibello, e dai ministri del Lavoro e delle Politiche Agricole, Nunzia Catalfo e Teresa Bellanova. Dal 2010 a oggi l’Inail ha stanziato, per questo bando, fondi per 2,4 miliardi di euro, anche in questa edizione, cosi’ come accaduto nelle due precedenti edizioni, sono suddivisi in 5 assi di finanziamento, differenziati in base ai destinatari e ai progetti che saranno realizzati: 96 milioni circa saranno destinati a progetti di investimenti e adozione di modelli organizzativi e di responsabilita’ sociale, 45 milioni per progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi, 60 milioni per la bonifica da materiali contenenti amianto, 10 milioni per progetti di micro e piccole imprese operanti nei settori della fabbricazione mobili e della pesca, 40 milioni saranno destinati a micro e piccole imprese agricole. Il contributo erogato in conto capitale, puo’ coprire fino al 65% delle spese sostenute per ogni progetto ammesso e fino a un massimo di 130mila euro, e’ rivolto a imprese, anche individuali iscritte alle diverse Camere di settore.
Per gli enti del terzo settore ci sara’ la possibilita’ di accedere ai fondi dedicati ai progetti per la riduzione del rischio da movimentazione dei carichi. “I fondi stanziati con le prime nove edizioni del bando Isi – ha spiegato il presidente Bettoni – hanno permesso di finanziare la realizzazione di quasi 32mila progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza all’interno delle aziende, che nella maggioranza dei casi sono stati presentati da micro e piccole imprese. Tra i progetti ammessi al finanziamento del bando 2018, in particolare, circa tre su quattro sono stati presentati da aziende con meno di 15 dipendenti”. “L’obiettivo della sicurezza sul lavoro – ha sottolineato il ministro Catalfo – e’ una delle priorita’ del governo che intendiamo perseguire sia attraverso un rafforzamento dell’attivita’ di vigilanza, sia mediante il potenziamento della formazione e con meccanismi di incentivo per sostenere le aziende attente al tema della prevenzione. Il bando Isi e’ un esempio da incoraggiare perche’ in questi anni ha dimostrato di essere un eccellente volano per l’attivazione di circuiti virtuosi, fornendo un sostegno tangibile di cui hanno beneficiato soprattutto le micro e piccole imprese, che rappresentano il cuore pulsante del nostro sistema produttivo”.
La presentazione delle domande di accesso ai finanziamenti sara’ online, come negli anni precedenti, attraverso una procedura “valutativa a sportello” articolata in tre fasi, e le date di apertura e chiusura di tutta la procedura informatica saranno pubblicate entro il 31 gennaio del 2020. “La scelta dell’Inail – ha detto Teresa Bellanova – di confermare con il bando Isi 2019 il proprio sostegno alle micro e piccole imprese agricole, per l’acquisto di trattori e macchinari di ultima generazione, risponde al bisogno concreto di proseguire l’impegno per l’innovazione in un settore centrale della nostra economia, caratterizzato da rischi elevati per i lavoratori che derivano anche da un parco macchine obsoleto. Si tratta di un approccio tanto opportuno quanto necessario, perche’ senza innovazione e sicurezza non puo’ esserci competitivita’”. “La procedura per l’assegnazione degli incentivi del bando Isi – ha spiegato il direttore generale Giuseppe Lucibello – e’ ormai consolidata. Nella fase preparatoria del nuovo bando ci siamo quindi concentrati sulla semplificazione degli adempimenti richiesti alle imprese partecipanti e sulla definizione, sempre piu’ puntuale, degli interventi finanziabili”.