Israele, l’ambasciatore italiano ricorda il giovane avvocato Alessandro Parini morto nell’attentato di un anno fa

25

A un anno dall’attentato che ha provocato la morte di Alessandro Parini, l’ambasciatore in Israele Sergio Barbanti si è recato al memoriale delle vittime del terrorismo di Tel Aviv dove è inciso il nome del giovane italiano per “rivolgere un pensiero di cordoglio e dare un segno di vicinanza ai familiari e amici, a nome anche di tutta l’Ambasciata d’Italia”.

“In questo triste giorno in cui ricordiamo la luminosa figura di Alessandro Parini la cui giovane vita è stata spezzata dalla follia del terrorismo, anche da Tel Aviv – ha detto Barbanti – vogliamo dare un segno di sincera vicinanza alle iniziative di commemorazione che si terranno in Italia”.

Parini fu colpito sul lungomare cittadino da un’auto lanciata a tutta velocità contro la folla da un arabo-israeliano, Yusef Abu Jaber, in un attentato salutato da Hamas e dalla Jihad islamica. 35 anni, avvocato, Parini era appena arrivato in Israele in vacanza con altri amici. Anche altri italiani e stranieri furono feriti nell’attacco.