Istat: minori in poveri raddoppiati Spadafora: governo intervenga con urgenza

44

“I dati pubblicati oggi dall’Istat sono la drammatica sintesi del fallimento delle politiche a favore dei  bambini e degli adolescenti”.  Così Vincenzo Spadafora, Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza, “I dati pubblicati oggi dall’Istat sono la drammatica sintesi del fallimento delle politiche a favore dei  bambini e degli adolescenti”.  Così Vincenzo Spadafora, Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza, commenta i dati oggi resi noti dall’ISTAT. “Se confrontiamo i dati di oggi con quelli di due anni fa scopriamo che la povertà assoluta dei minorenni è raddoppiata: erano 723 mila nel 2011, sono saliti nel 2013 a 1milione 434mila. Un dato che si commenta da solo nella sua tragicità: da anni in tanti denunciamo la mancata attenzione al futuro dei nostri bambini e adolescenti e oggi l’ISTAT ci conferma che avevamo ragione. Chiedo all’attuale Governo di dare la massima attenzione a questi dati: di considerare la variazione della povertà delle famiglie e dei minorenni quale indicatore dell’efficacia del proprio operato. Mettiamo le condizioni di vita, le opportunità di scelta dei bambini e degli adolescenti al centro dell’agenda politica. Invito, pertanto, il Governo a definire un obiettivo di riduzione della povertà delle famiglie, questo a partire dal Piano nazionale infanzia: il prossimo 23 luglio l’Osservatorio nazionale verrà convocato, finalmente, per la prima volta. Che la povertà minorile, e quindi la definizione dei livelli essenziali delle prestazioni, siano posti sin da subito al centro dell’impegno del nuovo Osservatorio, al quale auguro buon lavoro”.