Italia-Cina, a Pechino quarta edizione del Career Day

64

Quarta edizione del “Beijing Career Day” a Pechino all’Auditorium dell’Istituto Italiano di Cultura. Il Career Day, iniziativa nata per fornire orientamento ai giovani italiani che si affacciano sempre piu’ numerosi sul mercato del lavoro cinese e facilitare l’incontro con le imprese italiane, si e’ diviso in una prima sessione di workshop tematici e in una seconda parte dedicata agli incontri diretti tra giovani e rappresentanti d’azienda. L’appuntamento e’ stato aperto ieri dall’ambasciatore d’Italia a Pechino, Ettore Francesco Sequi, e ospitato dall’Ambasciata d’Italia, in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana in Cina (CCIC) e l’Associazione dei Giovani italiani in Cina (AGIC). Nel workshop tematico di questa edizione sono intervenuti Marina Timoteo (direttrice di Almalaurea), che ha presentato uno studio su “I laureati italiani e la Cina: profilo e prospettive di placement”; Federico Roberto Antonelli, addetto giuridico dell’Ambasciata d’Italia a Pechino che ha illustrato le novita’ introdotte dal Trattato sul riconoscimento dei titoli di studio tra Italia e Cina; Giulia Ziggiotti, segretario generale della CCIC che ha spiegato il funzionamento dell’accordo tra Camera di commercio italiana ed Almalaurea firmato a gennaio 2017. Sono quindi intervenuti Jacopo Bettinelli dell’AGIC, che ha introdotto aspetti pratici e problematiche comuni del lavorare in Cina e l’avvocato Antimo Cappuccio, responsabile dello Studio tributario e legale Pirola Pennuto Zei, che ha presentato le recenti norme cinesi in materia di visto di lavoro. Agli incontri B2B tra aziende e giovani italiani erano presenti 13 aziende italiane dei settori manifatturiero, moda, immobiliare, arredo, turismo e formazione. Tra queste, Pirelli, Gucci, Gessi, Giacomini, RDM Management, Savino Del Bene, Gartour, Scuola Italiana d’Ambasciata di Pechino, Senmiao School China, Galileo Galilei Italian Institute. Circa 100 i giovani italiani iscritti all’iniziativa. L’evento – informa una nota dell’Ambasciata italiana a Pechino – sara’ fruibile in modalita’ podcast.