Italia condannata per il 41 bis a Provenzano

9

Roma, 25 ott. (AdnKronos) – La Corte europea dei Diritti umani di Strasburgo ha condannato l’Italia per avere rinnovato il regime carcerario del 41 bis a Bernardo Provenzano, dal 23 marzo del 2016 fino alla morte del boss mafioso. Secondo la Corte, il ministero della Giustizia ha violato l’articolo 3 della Convenzione, riguardante la proibizione di trattamenti inumani o degradanti. Allo stesso tempo, la Corte ha stabilito che non c’è stata violazione del medesimo articolo 3 in merito alle condizioni della detenzione.

Durissima la reazione del vicepremier Di Maio alla sentenza della Cedu: “Ma scherziamo? La Corte europea dei diritti umani – scrive su Facebook – ha condannato l’Italia perché decise di continuare ad applicare il regime duro carcerario del 41bis a Bernardo Provenzano, dal 23 marzo 2016 alla sua morte. Avremmo così violato il diritto di Provenzano a non essere sottoposto a trattamenti inumani e degradanti. Non sanno di cosa parlano! I comportamenti inumani – attacca il vicepremier e leader del M5S – erano quelli di Provenzano. Il 41bis è stato ed è uno strumento fondamentale per debellare la mafia e non si tocca. Con la mafia nessuna pietà”.

“Soddisfatta” per la sentenza l’avvocato Rosalba Digregorio, legale del capomafia morto nel 2016 in ospedale dove era in regime di detenzione “perché la battaglia condotta con la sua famiglia – spiega all’AdnKronos – non è stata inutile”.

“Abbiamo fatto la lotta – aggiunge – e mi fa davvero piacere sapere che non ero la sola a pensarlo. Noi non ci siamo rivolti alla Corte di Strasburgo per avere una misura risarcitoria, insomma per chiedere soldi, come fanno tanti detenuti. A me la decisione in questi termini sta bene perché riconosce che noi non abbiamo fatto una battaglia inutile ma in linea con il diritto è importante”.

E ancora: “Che Strasburgo lo riconosca mi dà una grande soddisfazione”. Però la legale, che per molti anni e fino alla sua morte, ha difeso il capomafia di Corleone, tiene anche a precisare che “l’ultima istanza fatta ai giudici non era una richiesta di scarcerazione – spiega -ma noi chiedevamo con la sua famiglia di trasferirlo nello stesso reparto dell’ospedale San Paolo ma senza il 41 bis. Perché quando era al carcere duro in ospedale a essere penalizzati i parenti di Provenzano”.“Mentre i giudici – ricorda ancora l’avvocato – dissero che doveva restare al 41 bis perché altrimenti lo curavano meno…”.