Italia-Iran, Amendola a Teheran incontra vice ministro Esteri

63

Il sottosegretario del ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Vincenzo Amendola in Iran ha incontrato separatamente il viceministro degli Esteri iraniano, Majid Takht Ravanchi, e il portavoce del ministero degli Esteri, Bahram Qassemi. Nei due incontri, secondo quanto si legge sul profilo Twitter ufficiale del sottosegretario Amendola, si e’ discusso dello stato delle relazioni bilaterali tra Italia e Iran e i principali dossier regionali. Amendola ha partecipato alla Fiera internazionale del libro organizzata nella capitale iraniana Teheran evento a cui l’Italia ha partecipato come ospite d’onore. I rapporti tra Italia e Iran si sono rafforzati dopo l’accordo sul nucleare iraniano firmato nel luglio 2015 a Vienna e applicato a partire dal gennaio 2016. Roma e Teheran hanno mantenuto anche nel periodo sanzionatorio strette relazioni e tale rapporto e’ emerso proprio nel 2016, con la decisione del presidente Hassan Rohani di scegliere l’Italia come prima tappa del suo storico tour in Europa. In base ai dati Istat, l’Italia si conferma ai vertici dei paesi Ue per quanto riguarda le esportazioni verso l’Iran. Nel 2016 il valore dell’export verso la Repubblica islamica iraniana ha raggiunto 1,5 miliardi di euro, segnando un incremento del 29 per cento rispetto al 2015. Le importazioni italiane dall’Iran hanno registrato un aumento record pari al 123,7 per cento, per un totale complessivo di un miliardo di euro. Il settore trainante del trainante dell’export italiano si conferma la meccanica strumentale, che rappresenta oltre il 50 per cento delle esportazioni. Sul fronte delle importazioni l’Italia importa principalmente petrolio greggio, con un valore di 695 milioni di euro nel 2016, e prodotti siderurgici pari a 213 milioni di euro nel 2016.