Italia, missione diplomatica in Tasmania

25
In foto Hanna Pappalardo (profilo Twitter)

L’Incaricato d’Affari dell’Ambasciata d’Italia a Canberra, Roberto Rizzo, e la Console Generale Hanna Pappalardo hanno effettuato nei giorni scorsi una missione in Tasmania. Assistiti dal Console onorario d’Italia, Elvio Brianese, hanno avuto incontri istituzionali a livello statale e della Città di Hobart, con esponenti di punta del mondo della cultura, dell’accademia, della ricerca, del turismo e dell’imprenditoria e visitato i Musei “Mona” e “Tasman Museum and Art Gallery”. Di particolare importanza al fine del rilancio del rapporto bilaterale tra Italia e Tasmania gli incontri con il Vice Premier della Tasmania, Michael Ferguson, con il Ministro dell’Educazione della Tasmania, Roger Jaensch, con la CEO della Citta’ di Hobart, Kelly Grisby e con la Direttrice della Citta’ di Hobart, Jacqui Allen, con il Vice Cancelliere dell’Universita’ della Tasmania, Rufus Black, con la Direttrice dell’Istituto per l’Antartide, Karen Rees, con il CEO della Camera di Commercio, Michael Bailey, con il CEO dell’Agenzia per il turismo, John Fitzgerald e del brand Tasmania, Todd Babiak.  Tra i settori di collaborazione più promettenti sono stati identificati la ricerca con particolare focus sul continente antartico e gli ambienti marini, la collaborazione universitaria e nei settori dell’agricoltura etica e sostenibile e delle energie rinnovabili. La visita è stata anche l’occasione per una presa di contatto diretta con la comunità italiana in Tasmania, raccolta nel Club Italo-Australiano e coordinata dal Presidente Riccardo Ghedini e dal Vice Presidente Marty Zucco, e per una piacevole e costruttiva discussione sulle prospettive di collaborazione nell’interesse del rafforzamento della presenza italiana in Tasmania e della promozione della lingua e cultura italiana. A margine della visita, lo staff del Consolato Generale d’Italia ha ricevuto i connazionali per informazioni di carattere generale, processando 23 pratiche consolari (13 passaporti, 7 cittadinanze e 3 autentiche di firma)