Italiani meno formichine

30

Roma, 13 apr. (AdnKronos) – Nel 2017 le famiglie hanno aumentato la spesa per consumi finali (+2,5% in termini nominali) in misura superiore rispetto all’incremento del reddito disponibile (+1,7%). Di conseguenza, la propensione al risparmio delle famiglie scende al 7,8% (-0,7 punti percentuali rispetto al 2016). E’ quanto rende noto l’Istat nel presentare i Conti nazionali per settore istituzionale per gli anni 2015-2017, risultati coerenti con i Conti nazionali e il Conto delle amministrazioni pubbliche diffusi il 4 aprile scorso.

Per effetto dell’aumento dell’1,2% del deflatore dei consumi privati, aggiunge l’istituto di statistica, la crescita del reddito disponibile corrisponde a un incremento del potere di acquisto delle famiglie dello 0,6%, in rallentamento rispetto alle tendenze registrate nel biennio precedente.

FISCO – Nel 2017, rileva l’Istat, il prelievo fiscale dovuto alle imposte sulla produzione e a quelle correnti e in conto capitale ha inciso sul reddito disponibile delle famiglie per il 16,2%, su quello delle società non finanziarie per il 23,8% e su quello delle società finanziarie per il 18,6%.

L’incidenza delle imposte sul reddito disponibile, spiega quindi l’istituto, è diminuita per famiglie e società non finanziarie, mentre è aumentata per le società finanziarie.