Italiano fatto a pezzi e bruciato, orrore in Thailandia

60

Bangkok, 22 gen. (AdnKronos) – Parti di un corpo, che si presume appartengano a un italiano scomparso in Thailandia, sono state ritrovate in un’area boschiva nella provincia di Phichit, nel nord del Paese. Secondo quanto riferiscono i media locali, su una gamba parzialmente bruciata è stato identificato da un testimone un tatuaggio uguale a quello che aveva il 62enne Giuseppe De Stefani.

Domenica scorsa la polizia ha perquisito la casa dell’ex moglie thailandese dell’uomo, Rujira Eiumlamai, trovando il passaporto italiano della vittima e una macchia di sangue su un tappeto, il cui Dna è stato inviato per le analisi. Il sovrintendente della polizia di Bung Narang, il colonnello Chaisathien Maneejak crede che alla base dell’omicidio ci siano dispute legate ai soldi.