Judo Star, Meloni: No alla chiusura della palestra “anticamorra” di Maddaloni

52
In foto Giorgia Meloni, presidente di Fdi

“Fratelli d’Italia ha scelto di non restare a guardare: per lanciare un messaggio chiaro allo Stato e a tutte le istituzioni locali, come il Comune di Napoli e la Regione Campania, i nostri parlamentari sottoscriveranno simbolicamente un abbonamento annuale per sostenere la palestra ‘Judo Star’ di Scampia”. Lo annuncia la presidente di Fdi Giorgia Meloni, facendo riferimento alla palestra del maestro Gianni Maddaloni, che nei giorni scorsi ha lanciato una richiesta di aiuto per riuscire a mantenere aperta la struttura presidio di legalità ed inclusione sociale nel quartiere alla periferia di nord di Napoli. “La ‘Judo Star’ di Scampia di Gianni Maddaloni rischia di chiudere. Quella conosciuta come la ‘palestra anticamorra’ che per moltissimi giovani rappresenta da sempre la speranza di una vita sana e normale – sostiene Meloni – potrebbe svanire a causa dell’ottusità delle Istituzioni, a partire dal Comune di Napoli guidato da De Magistris che da qualche tempo ha iniziato a chiedere canoni d’affitto esorbitanti e insostenibili. In questi anni la struttura di Maddaloni, che conosco dai tempi del ministero della Gioventù e con il quale ho avuto il piacere di collaborare, ha regalato all’Italia straordinari successi sportivi e ha tolto dalla strada un incredibile numero di giovani in una delle zone più critiche di Napoli. È per tutti un modello da emulare, eppure oggi è stata completamente abbandonata a se stessa: nessun aiuto, nessun sostegno e da qualche tempo anche richieste folli di pagamento”. “Sappiamo – prosegue – che realtà sportive come l’Opes e altre organizzazioni sono impegnate in iniziative analoghe e per questo invitiamo tutte le realtà sportive, le associazioni e tutti i cittadini che lo vorranno a mobilitarsi per salvare questa palestra che consideriamo patrimonio per la città di Napoli e per l’Italia tutta”, conclude Giorgia Meloni.