Julia Burduli, ecco il primo cd del soprano russo che ha incantato il pubblico del Gran Premio di Agnano

205
in foto la copertina del primo cd di Julia Burduli, "Eyes"

La 73esima edizione del Gran Premio Lotteria, svoltasi domenica scorsa ad Agnano, non ha visto trionfare soltanto, a vent’anni dall’ultimo successo del padre Varenne, Vernissage Grif che in dirittura d’arrivo – riportano le cronache – ha superato il favorito Vivid Vise As migliorando anche il record della corsa (1”10”1) al Km; ma ha anche dato la possibilità al pubblico presente di ascoltare dal vivo Julia Burduli, la grande cantante lirica di origine russa chiamata a interpretare, nella cerimonia inaugurale, l’Ave Maria di Schubert. Proprio il proprietario di Vernissage Crif, il napoletano Gennaro Riccio, è lo sponsor del suo primo cd, “Eyes”: undici brani, tre inediti (due dei quali composti dalle stessa cantante) e otto cover che spaziano da “Blu eyes” a “Time to say goodbye”, da “Abrazame” a “Supplica alla Deipara”. Gli arrangiamenti sono del maestro Mario Simeoli, musicista napoletano che ha diretto due volte al Festival di Sanremo ed è autore di colonne sonore per ficton Rai e Mediaset.
Nata da madre georgiana e padre russo, Julia Burduli ha una storia difficile e sofferta alle spalle che lei stesso ha raccontato di recente. Oggi è felicemente sposata con il driver napoletano Vincenzo Maisto, e vive, ormai da venti anni, in Campania. Julia, affermano i critici, “è un artista poliedrica, capace di cantare diversi generi di musica e in diverse lingue, tra cui l’italiano, l’inglese, il francese, lo spagnolo, il napoletano,l’arabo, il portoghese e naturalmente il russo”.  La musica, come racconta lei stessa, la ha aiutata a superare i traumi dell’infanzia e oggi “
con il suo canto intende lanciare messaggi positivi e di speranza”.