Just Eat porta a Napoli il modello Ristorante Solidale

49

Ristorante Solidale, il primo progetto di food delivery solidale lanciato a Milano nel 2017 da Just Eat (www.justeat.it), l’app leader per ordinare online pranzo e cena a domicilio in tutta Italia e nel mondo, continua il suo il percorso di sensibilizzazione sul tema dello spreco alimentare e dell’importanza delle donazioni di cibo a chi ne ha più bisogno, e arriva nella città di Napoli dopo due anni e mezzo dalla sua inaugurazione. Il progetto, nato per redistribuire eccedenze, surplus alimentare e donare piatti solidali preparati dai ristoranti partner di Just Eat a Milano, Torino e Roma, si pone l’obiettivo di garantire un pasto caldo a persone in difficoltà, nonché favorire, grazie al valore del cibo, l’inclusione sociale in favore dell’uguaglianza sostenendo le diversità.
Con il patrocinio dell’Assessorato alle Politiche Sociali di Napoli e la collaborazione di Caritas Diocesana di Napoli, il progetto vede il supporto, per le consegne a domicilio, del partner PonyU, azienda innovativa operante nel settore della logistica urbana che, attraverso un nuovo approccio che ottimizza i processi permettendo di rispettare l’ambiente, supporta Just Eat per le consegne dai Ristoranti Solidali alla comunità e mense identificate da Caritas sul territorio di Napoli. Ma chi sono i veri protagonisti? I primi 12 ristoranti di Napoli che hanno deciso di aderire al progetto insieme a Just Eat, donando e preparando piatti solidali con surplus alimentare o semplicemente sotto forma di donazione. Ognuno metterà infatti a disposizione porzioni di cibo come panini, carne, hamburger, riso verdure, pane etc, in base alle proprie eccedenze, prodotti in scadenza o disponibilità del giorno, che verranno ritirati dai rider di Pony U e consegnati, pronti da consumare direttamente ai volontari delle mense.
I primi 70 pasti saranno donati tra domani 27 Giugno e martedì 2 Luglio nelle prime 3 mense individuate: San Gennaro al Vomero di Via Solimena 58, S. Maria Apparente di Corso Vittorio Emanuele e S Francesco e S. Chiara in Piazza del Gesù grazie al contributo dei ristoranti Pizza Loca, Burger King, D’Ausilio Macelleria & Burger Grill, Rosticceria Magia, L’Oca Nera Burger Station, Kokore Sushi e Poke, O’ Sushi, I’m Poke, Pollo&Patate, Triclinium Gastronomia Rosticceria, Laura Bistrot e Hoop Bagel.
Il progetto è stato presentato oggi in Piazza Municipio, nella sede di Palazzo San Giacomo durante la conferenza stampa istituzionale che ha aperto ufficialmente l’edizione napoletana di Ristorante Solidale. In presenza dell’Assessora Roberta Gaeta, Just Eat annuncia l’arrivo di Ristorante Solidale nel capoluogo campano, consegnando per la prima volta pasti caldi a domicilio a delle mense sociali individuate da Caritas Diocesana di Napoli, e proseguendo così la propria missione di sensibilizzare sempre più cittadini e ristoranti verso una maggiore consapevolezza sul valore del cibo, contribuendo alla riduzione degli sprechi alimentari e mettendo al servizio della comunità il DNA di Just Eat: mettere in comunicazione chi prepara il cibo con chi, in questo caso, ne ha più bisogno.
“È importante trovare sempre nuovi modi per essere vicini alle persone più fragili, che sono a rischio esclusione sociale: con questo progetto, la solidarietà è a portata di clic, a portata di tutti. Essere “umani” significa proprio questo: prodigarsi per chi ne ha più bisogno, per coloro che vengono considerati “ultimi”, per tutti quelli che ne hanno bisogno. Come Amministrazione siamo pronti ad accogliere ogni iniziativa che metta al centro il benessere e la tutela delle persone” commenta Roberta Gaeta, Assessora alle Politiche Sociali, Comune di Napoli.
L’iniziativa Ristorante Solidale genera così un impatto positivo facendo leva sulla possibilità offerta ai ristoranti partner di Just Eat di trasformare il proprio surplus alimentare in pasti, e di preparare piatti solidali da donare, sia con eventuali ingredienti e materie prima in scadenza, sia appositamente per le consegne svolte a domicilio da PonyU.
“Siamo molto orgogliosi oggi di inaugurare questa nuova tappa, la quarta, del progetto Ristorante Solidale, in una città, Napoli, che da sempre è per noi particolarmente importante, dimostrando nell’ultimo anno anche una crescita rilevante nell’uso dell’app” commenta Daniele Contini, Country Manager di Just Eat in Italia. “E’ un’iniziativa di responsabilità sociale d’impresa in cui crediamo molto, e per questo coinvolgiamo in ogni tappa i nostri partner, ristoranti e operatori logistici, ampliando costantemente la presenza del progetto sul territorio. Siamo consapevoli che Ristorante Solidale rappresenta una sola goccia in un mare di necessità e bisogni da colmare, ma sappiamo anche che più gocce uniamo, più saremo in grado di sostenere chi ne ha bisogno. Il favore che Ristorante Solidale ha incontrato in questi due anni e mezzo da parte della ristorazione a domicilio e dei consumatori è stato tale da generare risultati significati come 5.000 pasti consegnati, in circa 35 comunità servite e oltre 3.000 persone aiutate”.
“Siamo grati a Caritas Italiana per averci fatto conoscere, da vicino, una realtà importante come Just Eat Italia. Questa sperimentazione s’inserisce a pieno titolo in una strategia complessiva di contrasto alla povertà alimentare che, come Caritas Diocesana, ci vede più che mai impegnati qui a Napoli. L’importante è sottolineare l’opera pedagogica di sensibilizzazione che, anche grazie a Ristorante Solidale, ci permette di parlare ad una società civile che va più che mai impegnata contro lo spreco alimentare. Purtroppo, la Chiesa è stata lasciata drammaticamente sola a fungere da argine contro una povertà che, a Napoli ed in Campania, ha assunto ormai dimensioni superiori a quelle della Grecia. Confidiamo che la bella iniziativa di Just Eat Italia stimoli la generosità di altri gruppi imprenditoriali che ne seguano l’esempio” commenta Giancamillo Trani – Vice Direttore della Caritas diocesana di Napoli.
“Siamo orgogliosi di poter fare la nostra parte in questo progetto, in particolar modo qui nel nostro territorio. PonyU è fondata su principi forti nei quali crediamo molto, quali rispetto ed educazione. La nostra idea di azienda è ancorata alla nostra morale e partecipare ad un progetto come il ristorante solidale ci da l’occasione di veicolare al meglio il nostro valore aziendale” spiega Luigi Strino, Founder di PonyU.
Il progetto Ristorante Solidale si sta inoltre ampliando con l’integrazione di attività che coinvolgono anche i clienti di Just Eat. Tra questi, “Piatto sospeso”, la prima campagna digitale per raccogliere, proprio come il caffè sospeso, piatti da destinare a chi ha più bisogno, “Salva spreco a domicilio”, una raccolta solidale di eccedenze alimentari e donazioni di generi alimentari rigorosamente confezionati e imballati, direttamente a domicilio (febbraio 2018) e “Risotto Solidale”, il risotto da oltre 25 kg realizzato in occasione della Milano Food Week da Just Eat insieme a insieme a cittadini, ristoranti e chef e donato alle persone in difficoltà aiutate da Caritas Ambrosiana.
Le prime consegne di Ristorante Solidale a Napoli sono previste per il 27 e 28 giugno, e per il 2 luglio, grazie a una miniflotta di motorini e biciclette elettriche, che dai ristoranti porteranno i pasti direttamente alle mense. Per ulteriori informazioni sul progetto visitare il minisito dedicato www.ristorantesolidale.it.