Kim in pubblico con moglie e sorella

3

Pyongyang, 30 ott. (AdnKronos/Dpa) – In una sua rara apparizione in pubblico, il leader nordcoreano Kim Jong Un ha visitato una fabbrica di cosmetici a Pyongyang insieme alla moglie Ri Sol Ju e alla sorella Kim Yo-jong. Lo rende noto un lancio dell’agenzia di stampa nordcoreana Kcna, intitolato “per fornire al nostro popolo cosmetici migliori”, che sottolinea come Kim sia rimasto “molto soddisfatto” dei lavori di ristrutturazione compiuti nell’impianto industriale ed ha definito il nuovo packaging dei prodotti “molto bello”.

Lo scorso agosto i media ufficiali nordcoreani hanno dato la notizia che la moglie del leader nordcoreano ha dato alla luce, lo scorso febbraio, al loro terzo figlio. L’annuncio è arrivato dopo che per mesi erano circolate voci di una nuova gravidanza di Ri che ha avuto già altri due figli, nel 2010 e 2013.

Nelle foto della visita diffuse dall’agenzia ufficiale nordcoreana, Kim appare sorridente accanto alle vetrine di profumi e creme di bellezza autarchiche, che Pyongyang ha iniziato a produrre dopo che le sanzioni hanno bloccato da anni le importazioni dall’estero di questi beni di lusso, evidentemente riservati solo alle elite dello stato eremita, dove la popolazione vive in una situazione di estrema povertà.

Il servizio fotografico ha un chiaro intento di propaganda, con l’obiettivo di “mostrare che la Corea del Nord può avere cura delle esigenze del proprio popolo ed assicurare una prosperità a livelli paragonabili con Pechino e Seul”, come ha spiegato Ankit Panda, analista di questioni nordcoreane, alla Bbc. “Anche se questo non è vero, è importante per il regime mostrare al proprio popolo che può assicurare loro beni materiali”, ha poi aggiunto.

Durante la visita alla fabbrica, Kim loda l’industria per la produzione di “cosmetici di livello mondiale” o per aver rinnovato gli impianti in modo da essere “un orgoglio nel mondo”, si legge ancora nel lancio di agenzia. Panda ha poi sottolineato che sia significativo che il leader nordcoreano si sia fatto accompagnare da moglie e sorella, per “enfatizzare il primato della famiglia, che i legami di sangue sono importanti per lui”. Nelle scorse settimane la sorella di Kim è stata nominata alla guida del Politburo nordcoreano.