L’Azienda agricola Torre dei Chiusi tra i 20 benemeriti della vitivinicoltura italiana

61

L’Azienda Agricola Torre dei Chiusidi Torrecuso (Benevento) si aggiudica il Premio “Benemeriti della Vitivinicoltura Italiana” intitolato quest’anno ad Angelo Betti, ideatore di Vinitaly. Il riconoscimento, assegnato fin dal 1973 ai grandi interpreti del mondo enologico italiano e tradizionalmente consegnato il giorno dell’inaugurazione del Salone Internazionale del Vino e dei distillati, segue le indicazioni degli Assessorati regionali all’agricoltura, che hanno il compito di indicare coloro che, con la propria attivita’ professionale o imprenditoriale, hanno contribuito e sostenuto il progresso qualitativo della produzione viticola ed enologica della propria regione e del proprio Paese. Per il 51esimo Vinitaly, le insegne del Premio Angelo Betti vengono attribuite a: Domenico Pasetti (Abruzzo); Ruggiero Potito (Basilicata); Tommaso Caporale (Calabria); Azienda Agricola Torre dei Chiusi (Campania); Angela Sini (Emilia-Romagna); Stanko Radikon (Friuli Venezia Giulia); Antonio Santarelli (Lazio); Azienda Agricola Zangani (Liguria); Azienda Fondo Bozzole (Lombardia); Azienda Agricola Simone Capecci (Marche); Azienda VI.NI.CA. (Molise); Azienda Agricola Beccaria Davide (Piemonte); Barbara Raifer (Provincia Autonoma di Bolzano); Mauro Varner (Provincia Autonoma di Trento); Vittoria Cisonno (Puglia); Daniela Pinna (Sardegna); Azienda Baglio del Cristo di Campobello (Sicilia); Stefano Barzagli (Toscana); Sara Goretti (Umbria); Andrea Barmaz (Valle d’Aosta); Albino Armani (Veneto). I nomi di questi professionisti ed imprenditori vanno ad arricchire un Albo d’Oro composto da personalita’ che hanno fortemente contribuito alla crescita del sistema viticolo ed enologico italiano, tanto da farne un modello di riferimento internazionale. Cerimonia di consegna il 9 aprile alle 16,30 (Ristorante d’Autore), con presentazione del libro Vinitaly “dalla storia al futuro”, edito da Veronafiere per celebrare 50 anni del salone e 50 anni del vino italiano nel mondo.