L’ Esercito di Terracotta dell’imperatore Quin: prima nazionale a Napoli

217
Nel suggestivo scenario della Basilica dello Spirito Santo, martedì 24 ottobre alle 18.30, si terrà la prima nazionale della mostra “L’esercito di Terracotta e il Primo imperatore della Cina”.
La mostra permetterà al visitatore di compiere una vera e propria immersione nel passato, un viaggio nella Cina di 2.200 anni fa riscoprendo la storia del Primo Imperatore della Cina e del suo regno, della creazione della spettacolare necropoli di Shi Huangdi e dei diversi scavi archeologici che l’hanno riportata alla luce.
Il percorso di visita, strutturato in forma didattica seguendo la linea temporale dei fatti narrati, si articola attraverso undici sale che accoglieranno ben 300 oggetti di guerra e di vita quotidiana: questi  reperti del passato sono stati riprodotti dalle abili mani di artigiani cinesi nelle regioni stesse dove si sono compiuti gli scavi nella regione di Xi’ An, con grande attenzione per i dettagli e per la ricostruzione più possibile fedele degli originali in modo da realizzare la più esaustiva riproduzione del celebre “Esercito di Terracotta”.
Costruita per volontà del primo imperatore della Cina, ai piedi del Monte Li, nella provincia di Shaanxi, la necropoli di Shi Huangdi, rappresenta una delle scoperte archeologiche più significative del 20° secolo al punto da essere considerata dall’Unesco patrimonio dell’Umanità.
La sezione più suggestiva dell’intero complesso è senza dubbio rappresentata da quello che viene definito l’Esercito di Terracotta scoperto in maniera del tutto casuale da tre contadini nel 1974. Il suo valore non dipende esclusivamente dalla valore estetico degli numerosissimi elementi che lo compongono, 8000 soldati di terracotta, 150 carri e 670 tra cavalli a sella e da traino, ma soprattutto dal fatto di custodire in nuce elementi riconducibili alla Cina odierna. La mostra sarà arricchita anche dall’incontro-intervista con Yang Zhifa, uno dei tre contadini che, circa quarant’anni fa, rinvenne, mentre stava scavando un pozzo nella regione di Xi’ An, i primi frammenti del celebre esercito.