“La città della Pizza 2018”: i migliori pizzaioli d’Italia per tre giorni a Roma

275

Un evento unico, che vedrà riuniti per tre giorni, in un’unica location, tutti i migliori pizzaioli d’Italia. Sarà questo e molto altro La Città della Pizza 2018 – format ideato da Vinòforum e realizzato con la collaborazione di Ferrarelle – di scena a Roma presso il Guido Reni District – in via Guido Reni, 7 – da venerdì 6 a domenica 8 aprile. Dopo il grande successo del 2017, la seconda edizione si annuncia ancora più ricca. Il numero dei maestri pizzaioli protagonisti, rappresentanti delle diverse scuole dal Nord al Sud dello Stivale, supererà infatti le 50 unità. Saranno 12 le cosiddette “case”, le postazioni giornaliere suddivise nelle categorie “Napoletana”, “All’italiana”, “A degustazione”, “Al taglio” e “Fritta”. Ogni pizzaiolo proporrà tre diversi tipi di pizza: margherita o marinara, un cavallo di battaglia e una special edition pensata appositamente per la manifestazione, per un totale di circa 100 pizze differenti. A rendere ancora più golosa la tre giorni ci sarà inoltre una postazione giornaliera dedicata ai “Fritti all’italiana”. La selezione di tutti i partecipanti è opera del team di autori composto da Emiliano De Venuti, ideatore de La Città della Pizza e Ceo di Vinòforum, dai giornalisti Luciano Pignataro, Luciana Squadrilli, Tania Mauri e dal maestro pizzaiolo Stefano Callegari. I criteri – passione, qualità, ricerca, cura e attenzione per tutte le fasi della produzione – sono enunciati nel “manifesto” (www.lacittadellapizza.it/il-manifesto).
Ecco dunque tutti i protagonisti de La Città della Pizza 2018: Gabriele Bonci, Pizzarium, categoria “Al taglio” // Roma Ciro Salvo, 50 Kalò, categoria “Napoletana” // Napoli Giancarlo Casa, La Gatta Mangiona, categoria “All’italiana” // Roma Ciro Oliva, Concettina ai Tre Santi, categoria “Fritta” // Napoli Ciccio Vitiello, Casa Vitiello, categoria “Napoletana” // Tuoro (Caserta) Petra Antolini, Settimo Cielo, categoria “A degustazione” // Settimo di Pescantina (Verona) Famiglia Condurro, L’Antica Pizzeria da Michele, categoria “Napoletana” // Napoli Stefano Vola, Vola Bontà per Tutti, categoria “A degustazione” // Santo Stefano Belbo (Cuneo) Pierdaniele Seu, Seu Illuminati, categoria “All’Italiana” // Roma Mirko Rizzo e Jacopo Mercuro, 180g Pizzeria Romana, categoria “All’italiana” // Roma Cristiano Piccirillo, La Masardona, categoria “Fritta” // Napoli Francesco Martucci e Sasà Martucci, I Masanielli, categoria “Napoletana” // Caserta Matteo Aloe e Massimo Giuliana, Berberè, categoria “A degustazione” // Roma Giuseppe Pignalosa, Le Parule, categoria “Napoletana” // Ercolano (Napoli) Simone Lombardi, categoria “A degustazione” // Milano Diego Vitagliano, Diego 10, categoria “Napoletana” // Napoli Davide Fiorentini, O Fiore Mio, categoria “A degustazione” // Faenza Edoardo Papa, In Fucina, categoria “A degustazione” // Roma Isabella De Cham, categoria “Fritta” // Napoli Graziano Monogrammi, La Divina Pizza, categoria “Al taglio” // Firenze Filomena Palmieri, Pizzeria Da Filomena, categoria “Al taglio” // Castrovillari (Cosenza) Massimo Giovannini, Apogeo, categoria “All’italiana” // Pietrasanta (Lucca) Roberta Esposito, La Contrada, categoria “Napoletana” // Aversa (Caserta) Lello Ravagnan, Grigoris, categoria “All’italiana” // Mestre (Venezia) Paolo De Simone, Da Zero, categoria “All’italiana” // Milano Giorgio Caruso, Lievità, categoria “All’italiana” // Milano Pierluigi Fais, Frammento, categoria “All’italiana” // Cagliari Carmine Donzetti, Pizza & Fritti, categoria “Fritta” // Napoli Teresa Iorio, Le Figlie di Iorio, categoria “Fritta” // Napoli Andrea Morini, Da Cecio, categoria “All’italiana” // Porcari (Lucca) Raffaele Bonetta, Pizzeria Ciarly, categoria “Napoletana” // Napoli Marco Rufini, Casale Rufini, categoria “All’Italiana” // Roma Ivano Veccia, Da Ciccio, categoria “Napoletana” // Ischia (Napoli) Angelo Rumolo, Grotto Pizzeria Castello, categoria “Napoletana” // Caggiano (Salerno) Marco e Antonio Pellone, Pizzeria Ciro Pellone, categoria “Fritta” // Napoli Franco Gallifuoco, Pizzeria Franco, categoria “Fritti all’italiana” // Napoli Salvatore Di Matteo, Pizzeria Di Matteo, categoria “Fritti all’italiana” // Napoli Pierluigi Police, Pizzeria O Scugnizzo, categoria “Napoletana” // Arezzo Un’ulteriore postazione dedicata ai fritti all’italiana sarà occupata dagli chef Arcangelo Dandini de “Il Supplizio” di Roma e Pasquale Torrente de “Il Convento” di Cetara che proporranno i classici supplì romani e i fritti della tradizione marinara campana. Ma non finisce qui perché accanto a questi nomi ce ne saranno altri protagonisti delle varie “iniziative collaterali”: lo “Spazio Convegni”, i laboratori “A scuola di Pizza”, le cene a quattro mani con chef stellati “Maestri in Cucina”.