La console Usa aderisce al “giocattolo sospeso”

90

“Sono molto contenta di partecipare a questo evento promosso dal Comune di Napoli”: Bambole, supereroi e peluche: la console generale degli Stati Uniti a Napoli, Mary Avery, aderisce al “Giocattolo Sospeso”, l’iniziativa del Comune, per un Natale solidale. “Napoli e gli Stati Uniti – ha dichiarato la console – hanno una lunga storia di amicizia, e in un anno come questo, pieno di ostacoli e di sfide, la solidarietà e il sostegno reciproco sono ancora più importanti per riuscire a guardare al futuro con più fiducia e ottimismo, sono contenta di partecipare a questa iniziativa del Comune”. “Per me personalmente – ha proseguito la console – è anche un’opportunità per ringraziare la città di Napoli e i napoletani, per l’ospitalità che offrono a noi americani da oltre due secoli. Il 2021 infatti sarà l’anno in cui il nostro Consolato celebra 225 anni di presenza diplomatica a Napoli”. La console, accompagnata dall’assessore ai Giovani Alessandra Clemente, si è recata in uno dei negozi che aderiscono all’iniziativa per contribuire personalmente al Giocattolo Sospeso. “Un ringraziamento alla nostra Console – ha detto Clemente – e a tutta la comunità degli amici americani che sono nella città di Napoli: quest’anno il Giocattolo Sospeso è ancora più forte grazie a voi, è un’iniziativa che si fonda su due parole semplici, ma che sono le più importanti nella vita delle persone: la parola fiducia e la parola generosità. È quindi molto bello per noi essere qui: raggiungeremo attraverso un sistema protetto tante famiglie in difficoltà, e lo faremo pensando alle bambine e ai bambini. rendendoli davvero felici”.