La Doria, oggi la vertenza al tavolo del Mise

85

È arrivata stamattina sul tavolo del ministero dello Sviluppo economico la questione dei lavoratori dell’azienda La Doria di Acerra (Napoli) che produce tra l’altro sughi pronti, e la cui chiusura è prevista per il 30 settembre prossimo, con il trasferimento delle produzioni a Parma e la delocalizzazione delle maestranze in altre fabbriche campane. I lavoratori e l’azienda, infatti, sono stati convocati al ministero dello Sviluppo economico a Roma per affrontare la questione è cercare di capire l’eventualità di altre soluzioni. “Il Comune di Acerra – ha commentato il sindaco Raffaele Lettieri – seppur impegnato su questo fronte non è stato chiamato al tavolo di lavoro, ma credendo fortemente nella necessità di inserire tali iniziative in un contesto di dialogo istituzionale e non solamente di dialogo politico, auspica che l’impegno di oggi possa portare alla risoluzione delle problematiche occupazionali dei lavoratori de La Doria, come si augura che questo possa accadere per tutti gli altri lavoratori del territorio già fortemente martoriato”. Lettieri, quindi, ha ribadito che il Comune “continuerà a rendersi disponibile ad assumere ogni utile iniziativa al fianco delle maestranze dell’azienda e dell’indotto, così come deliberato dallo stesso Consiglio comunale, per scongiurare la chiusura del sito di Acerra che comprometterebbe ulteriormente i già precari livelli occupazionali del territorio”.