La mattina di Trump: Twitter, telefono e tv

21

Washington, 8 gen. (AdnKronos) – Negli ultimi mesi Donald Trump ha sensibilmente accorciato la sua giornata lavorativa alla Casa Bianca che inizia non prima delle 11 del mattino, con un’agenda di appuntamenti molto ridotta rispetto al passato. E’ quanto rivela ‘Axios’ che ha ottenuto copie della ‘vera’ agenda del presidente, diversa da quella diffusa alla stampa e al pubblico in cui ogni giorno tra le otto e le 11 del mattino viene indicato un meglio non definito “executive time”.

In realtà, rivela il sito che si sta affermando come uno dei più informati di Washington, Trump trascorre queste ore nella sua residenza guardando la televisione, facendo telefonate e, ovviamente, twittando. Il briefing dell’intelligence, che tradizionalmente apre la giornata lavorativa del presidente americano, quindi è scalato alle 11.

Molto più tardi di quanto avvenisse con il suo ultimo predecessore repubblicano, il notoriamente mattiniero George Bush che arrivava nello Studio Ovale alle 6.45, e anche di Barack Obama che arrivava “in ufficio” tra le nove e le 10, dopo l’allennamento quotidiano.

LA GIORNATA – La giornata lavorativa di Trump non si sarebbe solo accorciata, con il presidente che verso le 6 torna nella sua residenza, ma si sarebbe anche ‘svuotata’. Sempre secondo quanto rivela ‘Axios’, Trump ha durante il giorno non più di uno o due incontri e riunioni, trascorrendo molto tempo al telefono e, ancora una volta, seguendo le news in uno dei megaschermi che, come è noto, ha fatto istallare nella stanza accanto allo Studio Ovale.

Negli ‘schedule’ presidenziali ottenuti da Axios, tutte queste pause della giornata senza impegni ufficialmente specificati vengono sempre indicate con la vaga formula “executive time” e “policy time”. Fonti della Casa Bianca hanno assicurato che questo non vuole dire che il presidente non sia attivo, anzi alcuni hanno auspicato che dorma un po’ di più. Ma preferisce rimanere nella sua residenza, dove può lavorare nel modo non strutturato e improvvisato, come ha fatto per tanti anni alla guida della Trump Organization.

CASA BIANCA – “Il presidente è uno dei lavoratori più tenaci che io abbia mai visto e lavora moltissime ore, ogni giorno della settimana per tutto l’anno”, ha replicato la portavoce della Casa Bianca Sarah Huckabee alle rivelazioni di ‘Axios’, sottolineando che il famoso executive time della mattina è “un mix di tempo trascorso nella residenza e nello Studio Ovale” con molte telefonate con lo staff, ai congressisti, a membri dell’amministrazione e leader stranieri.