La napoletana Michela Panichi vince il Campiello Giovani

140

Michela Panichi e’ la vincitrice della 25esima edizione del Campiello Giovani, il concorso riservato ai giovani tra i 15 e i 22 anni organizzato dalla Fondazione Il Campiello – Confindustria Veneto. La 19enne di Napoli si e’ aggiudicata il premio con il racconto “Meduse” scelto dalla Giuria dei Letterati, presieduta da Paolo Mieli, tra i cinque racconti arrivati in finale. Il premio e’ stato consegnato da Eugenio Calearo Ciman, Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Veneto. Cosi’ recita la motivazione: “”Meduse” di Michela Panichi si addentra nelle geometrie psicologiche del rapporto fra due fratelli e una madre che si scopre incinta di una nuova vita, ancora una volta senza un padre presente. L’evento sconvolge, ridefinisce e alla fine ridispone in un nuovo equilibrio le relazioni fra personalita’ diverse, cha la giovane autrice sa tratteggiare con finezza, pur con qualche ingenuita’ nel ricorso a immagini e temi convenzionali”. Gli altri finalisti di questa edizione del Campiello Giovani erano: Arianna Babbi, 22 anni di Classe (Ravenna), con il racconto “Da lontano”, Sahara Rossi, 21 anni di Roma, con il racconto “Yolanda”, Federico Schinardi, 20 anni di Verona, con il racconto “Un giorno se ne andarono le pecore”, Flavio Zucca, 21 anni di Roma, con il racconto “Ladri di zaffiri”.