La Napoli della danza riparte dal Festival dell’Arenile di Bagnoli: in scena dal 5 al 10 luglio

247

La Napoli della danza sta ripartendo e farà da traino a tutta la regione ed al Mezzogiorno come sempre, soprattutto per l’importante stuolo di nomi illustri che lavorano in città nonostante l’appeal internazionale. Ma forse è proprio questa la fortuna del popolo della danza nostrano, ovvero il contare su nomi che si sono raccolti attorno ad progetto in scena dal prossimo 5 al 10 luglio all’Arenile di Bagnoli, stupenda location di richiamo al di là della danza e dei suoi riflettori. Merito dell’art director della kermesse Marco Auggiero, coreografo napoletano di fama internazionale che ha puntato diritto alla ripresa della danza nella sua città ed ovviamente in riva al mare. Gli obiettivi e le finalità del festival sono stretti intorno al motto “Liberiamo la Danza!”, scritto a caratteri cubitali nella presentazione dell’evento. All’Arenile Dance Festival si alterneranno, dunque, dal 5 al 10 luglio i vari Mauro Mosconi con il suo modern jazz, la classicissima Anbeta Toromani nell’ambito del ballet, l’art director della manifestazione Marco Auggiero con il suo contemporary, Francesco Milana maestro di ballet, la coreografa di modern contemporary Irma Cardano, Peter Valentin nell’hip hop e Gabriella Stazio con un edificante laboratorio di composizione coreografica alla sua maniera. Accompagnati da uno stuolo di altri professionisti al servizio dei giovani talenti e dell’intero popolo della danza che scalpita da mesi e mesi di oblio. Tutti al seguito dei vari Mariangela Lepre, Ramona Biasi e Giordana Carrese per le classi di ballet; Tina Tuccillo e Daniele Di Salvo per quelle di contemporary; Valeria Papale e Francesca Dell’Aria per il modern jazz; Demis Autellitano nel modern; Mario Nocera e Salvatore Capasso per l’hip hop, Ahmed in haigh heels ed Alessandra Smorra nella video dance. “Immaginavo un ritorno alla normalità solo quando saremo tornati su un palcoscenico – ammette Marco Auggiero – e questa è senz’altro una buonissima occasione per festeggiare e stare insieme. Del resto danzeremo e lavoreremo in un campus con oltre cinquanta lezioni di vario livello e stile in una favolosa area workshop allestita su palchi in spiaggia dove ballerine e ballerini potranno usufruire di tutti i servizi della struttura: Dj Set, area ristoro, area solarium, mare e piscina per i momenti di relax. Spero che sia solo l’inizio!” E per cominciare davvero si sono pensate e realizzate le cose in grande, con un bacino artistico e di talenti molto importante, proprio come la carriera e l’esperienza di Marco Auggiero al servizio delle ballerine e dei ballerini che accorreranno da ogni dove. E così, dopo lo spettacolo in Piazza del Plebiscito del prossimo 4 luglio intitolato “Da Petipa a Nureyev” con un’indagine nei meandri del repertorio classico del balletto, giungerà il momento della danza e del mare per tutti, ovvero quella attesa dalle nuove generazioni danzanti pronte a rimettersi in gioco vicino al mare, proprio come ai vecchi tempi.