La notte dei filosofi, al Maschio Angioino “processo” al pensiero

48

 

“Filosofia fuori le mura” nasce da un’idea di Giuseppe Ferraro. Il progetto non rappresenta solo la volontà di portare la filosofia in luoghi ad essa apparentemente inconsueti e distanti, bensì cerca di capire cosa possa sopravvivere di questa disciplina fuori dai tradizionali ambienti accademici. Dal momento che la filosofia si interroga su questioni ultime ed estreme è proprio nei luoghi ultimi ed estremi che deve essere portata per sentire se essa ha ancora qualcosa da dire. Il progetto è una vera e propria pratica educativa che induce attraverso la filosofia a riprendersi la città, a ripopolare le piazze, i luoghi solitamente abbandonati e dimenticati, e spinge a far rivivere la città attraverso gli incontri, i legami, le relazioni per dar vita ad un’azione civile comune. Il ciclo di incontri che culminerà nella “Notte dei Filosofi” prenderà il via domenica 2 aprile nello storico castello medievale del Maschio Angioino nel quale sarà allestito un vero e proprio ‘processo alla filosofia’. 

Un’assemblea popolare, aperta, esprimerà il voto di assoluzione o di condanna del filosofo. Con questo evento si inaugura l’ “Anno della Filosofia” promosso per il 2017 dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli. Parteciperanno al Processo insieme all’ideatore: Antonello Ardituro, Giovana Callegari, Donatella Costagliola, Nino Daniele, Francesco di Maio, Anna Jaccarino, Lukas Lucariello, Simona Marino, Federico Ranchetti, Paolo Valerio, Sabrinex, Licia Pizzi, Nadia Vembacher.