La ricerca e il mare, porte aperte al Centro tartarughe della Stazione Dohrn

34

La Stazione Zoologica Anton Dohrn apre per l’intera giornata le porte del Centro di Ricerca Tartarughe Marine-Osservatorio del Golfo di Napoli, che ha sede a Portici, a scuole e cittadini. Nell’ambito della “Giornata Mondiale Oceani 2018”, il Centro ha promosso questa mattina l’iniziativa scientifica “La Ricerca e il Mare”, un momento di approfondimento e di divulgazione dedicato alla scoperta e alla tutela dell’ambiente marino. Ai visitatori sono stati illustrati, anche attraverso video, i problemi derivanti dall’inquinamento da plastiche e microplastiche ma anche il ruolo fondamentale dei microorganismi marini, il restauro ambientale marino e costiero, la protezione e la cura delle tartarughe marine. All’evento anche Città della Scienza, il Wwf con la campagna per la difesa e la protezione del mare, la Capitaneria di Porto e le Guardie Ambientali d’Italia. ”In questa prima edizione vogliamo aprire il Centro e mostrare tutte le attività della stazione zoologica e le ricerche che si concentrano sul mare, oltre a sensibilizzare le persone alle nostre attività”, dice Sandra Hochscheid, responsabile Centro Ricerche tartarughe marine. ”Oggi vogliamo lanciare un messaggio: è fondamentale la ricerca per il mare oltre a divulgare le nostre attività di ricerca e di protezione e di conservazione del mare”, aggiunge Christophe Brunet, Ricercatore Szn.