La Russia corteggia la Libia e fa il ‘doppio gioco’ con Haftar e Seif Gheddafi

14

(Adnkronos) – Mosca corteggia Tripoli e fa il ‘doppio gioco’, a est, con Haftar e Seif Gheddafi, il figlio del colonnello ricercato dalla Corte penale internazionale su cui puntano ancora i nostalgici del regime. La Libia torna a essere “un Paese strategico” per la Russia – dopo che negli anni scorsi ne aveva delegato la ‘gestione’ a Evgeny Prigozhin e alla sua Wagner – considerandola l’anello di congiunzione tra i suoi propositi di espansione nel Sahel e di installazione di una base navale nell’est della Libia, a Tobruk o Bengasi. E rafforza ancora di più la sua presenza, attraverso l’Africa Corps, i reparti paramilitari ex Wagner ora inquadrati sotto il ministero della Difesa, che conterebbero già oltre 1.800 uomini sul terreno. 

Nell’est della Libia, i russi stanno facendo “un gioco molto interessante”, rivelano all’Adnkronos fonti informate: “Se da un lato si appoggiano al secondogenito di Haftar, Khaled, che è quello che li ha fatti entrare nell’est, dall’altro lato sostengono tradizionalmente l’ex regime, incarnato da Seif”, l”erede designato’ di Muamamr Gheddafi, che rappresenta “la vera minaccia politica” per il maresciallo della Cirenaica. E questo gioco dei russi “starebbe mettendo in difficoltà Haftar, che assiste in alcune aree dell’est e nel Fezzan a manifestazioni in sostegno del vecchio regime”.  

“E’ impossibile misurare il sostegno che avrebbe Seif Gheddafi – spiega all’Adnkronos Ashraf Shah, ex consigliere dell’Alto consiglio di Stato libico – Un sostegno che era visibile negli anni scorsi, quando, nel 2021, ci fu il tentativo di tenere le elezioni presidenziali, mentre adesso non c’è un metodo credibile per capire chi sostiene chi”. Certo è, sottolinea, che Haftar considera il figlio del colonnello – ufficialmente ricercato dalla Corte penale internazionale per presunti crimini di guerra e che si nasconderebbe nel Fezzan – “il suo nemico numero uno, tanto che di recente ha fatto arrestare il capo di una tribù locale, 85enne, rinchiuso in un carcere di Bengasi per il sostegno a Seif”. 

E un’altra prova della preoccupazione del maresciallo – che nel 1969 partecipò al golpe di Muammar Gheddafi contro re Idris, salvo poi esserne ‘ripudiato’ anni dopo – è “il rapporto conflittuale tra il figlio Saddam, comandante di un’unità speciale dell’Esercito nazionale libico (Lna), e il comandante del battaglione 106 Salem al Zadma, affiliato all’Lna, che si occupa della sicurezza nell’area del Fezzan legata all’ex regime”, spiegano le fonti.  

Questo il quadro a est, mentre Mosca intensifica i rapporti anche con l’ovest: nei giorni scorsi il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha ricevuto una delegazione del governo di unità nazionale di Tripoli, della quale facevano parte Abdullah Al-Lafi, membro del Consiglio presidenziale, Taher Al-Baour, ministro degli Esteri, il capo di Stato maggiore dell’esercito della Tripolitania, Mohammed el-Haddad, a cui ha assicurato l’impegno di Mosca per l’unità e la stabilità della Libia.  

E, con un tempismo che sottolinea una volta di più lo scontro a distanza tra Mosca e l’Europa, mentre quella delegazione rientrava dalla Russia, a Bruxelles sbarcava il premier del governo di unità nazionale, Abdul Hamid Dbeibah, che alla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, avrebbe assicurato l’intenzione di non cedere alle pressioni russe. A condizione di avere quello di cui ha bisogno da Stati Uniti ed Europa: sostegno, investimenti e finanziamenti per il contrasto all’immigrazione. 

Ma la presenza russa a est si fa sempre più forte e invasiva, con l’arrivo di militari, paramilitari ed equipaggiamento, dislocati in diverse basi nell’est, a Jufra, Tobruk e anche a Bengasi, dove sarebbe stato creato un nuovo campo di addestramento. Come rivelato da “All eyes on Wagner”, consorzio di informazione che monitora le attività del gruppo, alcuni degli uomini arrivati nelle ultime settimane sono stati trasferiti in Niger – chiamati dalla giunta golpista che nel frattempo ha cacciato gli americani – mentre altri sono rimasti nell’est della Libia, dove si occuperebbero della formazione dei miliziani libici e delle reclute del ‘Direttorato Africa’ di Wagner. Secondo Aeow, il contingente russo in Libia risponderebbe a quattro comandanti che ruotano tra la Siria e la Libia e riferiscono direttamente al vice ministro della Difesa russo Yunus Bek Yevkurov, l’uomo del Cremlino in Africa.  

All eyes on Wagner ha monitorato i movimenti in diverse basi, nel porto siriano di Tartus (l’unico del Mediterraneo a cui Mosca ha accesso) da dove sono partiti i carichi diretti in Libia, e quelli nel porto di Tobruk, in Cirenaica, dove negli ultimi 45 giorni sarebbero arrivate cinque navi russe.  

Non solo Libia: l’attivismo del nuovo ambasciatore russo a Tripoli, Aidar Aghanin, ex direttore del canale in arabo di Russia Today, la tv del Cremlino, che fa la spola tra la capitale e Bengasi, dove sarà riaperto il consolato, fa il paio con quello nei Paesi vicini, come Algeria e Marocco, dove i russi stanno mandando diplomatici di altissimo profilo, che parlano arabo e francese, a sottolineare “il rinnovato interesse strategico” per il Nordafrica, oltre che per il Sahel. E, rivela infine Aeow, arrivando dalla vicina Algeria dove avrebbe ricoperto un incarico assegnatogli dal ministero della Difesa dopo la sua epurazione seguita al fallito golpe di Wagner, avrebbe visitato regolarmente la Libia il generale Sergei Surovikin, ex comandante delle forze russe in Ucraina. Che, secondo alcune indiscrezioni, potrebbe tornare presto a Mosca.