Ecco la Signora delle Balene: al Nabilah di Torregaveta la prima rassegna europea dedicata ai cetacei

801
In foto Debora Di Meo (credit Paola Tufo)

E’ iniziata il 25 aprile la rassegna culturale “La signora delle balene” progettata dall’Associazione Sharewood: una serie di quattro appuntamenti promossi e ospitati dal Nabilah (a Torregaveta, Napoli). Le altre date da segnare in agenda sono: 23 giugno, 16 luglio, 15 settembre.
La rassegna s’ispira a un fatto realmente accaduto nel 2015 di fronte alla spiaggia che ospita la kermesse: si tratta dell’unico salvataggio documentato di una balena nel Mar Mediterraneo. La protagonista di questa incredibile avventura, Debora Di Meo, ha aperto il 25 aprile l’European Whale Day, la prima giornata interamente dedicata al cetaceo istituita in Europa, raccontando proprio questa sua straordinaria esperienza. “Il prossimo appuntamento sarà interamente dedicato ai bambini – annuncia Debora -. Abbiamo installato qui al Nabilah delle sculture create dagli studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Napoli all’interno delle quali coloro che quest’estate frequenteranno le spiagge della zona potranno riporre la plastica che troveranno sull’arenile, perché tutti possiamo contribuire a ripulire l’ambiente”. Scopo che calza a pennello con quello dell’”European Whale Day” il cui obiettivo è la sensibilizzazione della popolazione locale, e non solo, su temi ambientali inerenti la salvaguardia del territorio e del mare, e su ciò che accade sui fondali campani. Il canyon sottomarino di Ischia (detto “Canyon di Cuma”) è infatti molto importante per la riproduzione dei cetacei.

Ma la rassegna di eventi ha un obiettivo ancora più ambizioso e a lunga scadenza: costruire un dialogo fra l’ambiente e la popolazione che vive sul territorio, orientando il comportamento collettivo a un approccio ecologico ed ecoetico di cura e conoscenza della ricchezza che questo mare e questa terra racchiudono.
Il logo dell’iniziativa, riprodotto anche attraverso installazioni sempre collocate al Nabilah, è stato realizzato da “Assante di Cupillo Antonio Art” in collaborazione con l’associazione “Vivi l’Estate” (partner de “La Signora delle Balene”) che opera da anni nel campo sociale, ambientale, culturale e della promozione turistica sull’intero territorio flegreo.

Photo credit: Paola Tufo

Per ogni giornata della rassegna, parte dell’incasso sarà devoluto ad un’associazione che si occupa della salvaguardia dei cetacei. “Conoscere è il primo passo per conservare – affermano Alessandra Staffelli e Rossana Tenerelli, rappresentanti dell’associazione Oceanomare Delphis Onlus cui è stata donata una tranche dei proventi della prima giornata -, dunque per tutelare il territorio. Occasioni come questo evento se ne dovrebbero organizzare di più: si fa divulgazione, si acquisiscono conoscenze e si lavora insieme mettendo a confronto tante realtà che si occupano del mare, che è un tesoro di tutti”. “Queste occasioni – continuano le due ricercatrici – ci incoraggiano a continuare il nostro lavoro di ricerca e conservazione. Noi eseguiamo raccolte dati e progettiamo iniziative di divulgazione come l’”Ischia Dolphin Project”: a bordo di un veliero – laboratorio abbiamo organizzato campi di ricerca naturalistica sui cetacei”.
Durante la prima giornata della kermesse sono intervenuti importanti esponenti del mondo accademico e della ricerca, come Paolo Silvestrini del Dipartimento di Matematica e Fisica dell’università “Luigi Vanvitelli”; Berardo Ruggiero dell’Istituto Scienze Applicate e Sistemi Intelligenti – Cnr Pozzuoli; Vincenzo Saggiomo, direttore della Fondazione Anton Dohrn; Ernesto Mollo, ricercatore del Cnr e dell’ICcb; Dario Monaco, collaboratore UO mare di Arpac Campania; Laura Pintore dell’Ufficio Mare di Wwf Italia; e Marcello Giannotti, referente per la tutela deòòe spiagge Ardea. Tra i numerosi temi trattati ha destato molto interesse quello della tutela della biodiversità invisibile.
Hanno contribuito con l’associazione Share Wood alla realizzazione della kermesse le associazioni: Arpac, Ardea, Battibaleno, Fondazione Dohrn, Greenpeace, Legambiente, Oceanomare Dephis Onlus e Wwf.

IL PROGRAMMA

  • 23 giugno LADY OF WHALES: TEEN
    Giornata dedicata ai ragazzi
    Ore 11.00-13.30 workshop gestiti da Lega Ambiente e Città della Scienza di Napoli su tematiche ecologiche relazionate al territorio, all’ambiente marino e alle percezioni corporee
    Ore 13.30-15.00 Pausa pranzo
    Ore 15.00 spettacolo teatrale a cura di trapezisti e ballerini “Chi ha rapito Primavera?” e successivo laboratorio di costruzione di un burattino (di e con Claudia Facchini)
    Ore 19.00 spettacolo di Teatro/Circo “ Clown Cabaret” a cura della compagnia Omphaloz, con Guillame Hotz e Monica Vignetti
  • 16 luglio LADY OF WHALES: THEATER
    Ore 21.00 Overload*
    Un ipertesto teatrale sull’ecologia dell’attenzione
    * Overload ha vinto i premi Ubu Spettacolo 2018 e Best of  Be Festival 2016 (tour in Spagna & Regno Unito)
  • 15 settembre LADY OF WHALES: CONCERT
    A chiudere la rassegna un concerto sulla spiaggia