La stanza delle stelle, un viaggio alla ricerca di sé

62

di Bianca Desideri

“La stanza delle stelle”, un titolo intrigante quello scelto per il suo romanzo di esordio da Cosimo Clemente, il quale, dopo alcune esperienze nel campo della comunicazione e formazione, ha scelto poi di lavorare in banca non abbandonando però la sua passione per la scrittura.
Una città, la spagnola Valencia, fa da sfondo alla narrazione scorrevole, fresca e accattivante che di pagina in pagina conduce i protagonisti alla scoperta di se stessi, mettendo in maniera, inconsapevole e consapevole al tempo stesso, in discussione quelle che erano certezze e convinzioni.
Due giovani, Gianni e Sylvia, provenienti da Paesi e realtà diverse, s’incontrano a Valencia, luogo dove decine di ragazzi si ritrovano alla ricerca “di qualcosa, forse semplicemente di se stessi”.
Gianni che era vissuto sempre e solo nella sua città natale, convinto che fosse il centro del suo esistere, si troverà a mutare radicalmente punto di vista per amore e a essere disposto a prendere il primo volo per seguire la ventunenne Sylvia, studentessa di Economia all’Università di San Juan di Puerto Rico. Sylvia da sempre aveva idee ben chiare sul suo futuro e su quello che voleva per se si ritrova cambiata da quell’esperienza spagnola grazie o a causa di una borsa di studio che l’ha portata in quell’Europa dalla quale si è sempre sentita attratta, ma, nonostante i forti sentimenti che prova per quel giovane ragazzo italiano, resta ferma nel suo programma di vita.
Un turbinio di emozioni, di voglia di libertà e indipendenza, di amore e passione, di sofferenza e dolore sono il percorso che compiono questi due giovani che alla fine ritorneranno alle loro vite non senza ricordare quella stanza delle stelle senza tempo.